facebook rss

Infortunio sul lavoro a Castelfidardo:
operaio rischia di perdere le mani

ELIAMBULANZA - Il fidardense M.P., 38 anni, è rimasto per ore in sala operatoria all'ospedale di Torrette dove stamattina è stato ricoverato in urgenza e trasportato dall'eliambulanza. L'incidente è avvenuto in un'azienda di via Pigini. Il macchinario è stato posto sotto sequestro
martedì 7 Novembre 2017 - Ore 14:08
Print Friendly, PDF & Email

L’eliambulanza a Torrette

Un operaio fidardense di 38 anni, M.P. rischia di perdere la funzionalità di entrambe le mani che si è schiacciato, stamattina verso le 10, mentre lavorava davanti a una macchinario nel capannone di un’azienda di via Pigini che si occupa di stampaggi, a Castelfidardo. Non è ancora ben chiaro cosa sia accaduto. Il ragazzo stava iniziando le operazioni di lavorazione quando le mani gli sono rimaste incastrate sotto una pressa, due dita sono state tranciate dalla strumentazione. A soccorrerlo per primi i colleghi che lavoravano accanto a lui. L’uomo è rimasto per un po’  vigile nonostante il dolore procurato dalle lesioni, e sul posto sono arrivati l’ambulanza della Croce Verde e una pattuglia dei carabinieri della Stazione di Castelfidardo.

Dopo essere stato stabilizzato e intubato, l’operaio è stato trasferito d’urgenza e ricoverato all’ospedale regionale di Torrette. Qui un’equipe medica era pronta per entrare in sala operatoria con il paziente, nella speranza di poter riattaccare le falangi e garantirgli la piena funzionalità di entrambe le mani. Il 38enne è rimasto per ore sotto i ferri. Trascorso il decorso post operatorio, domani sarà possibile sapere qualcosa di più sugli esiti dell’intervento chirurgico.

Trattandosi di un infortunio sul lavoro è intervenuto in fabbrica anche il Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro dell’Asur-Area Vasta 2 per verificare la regolarità degli standard di sicurezza adottati dall’azienda e quella della posizione previdenziale e contributiva della vittima dell’incidente. I carabinieri invece hanno avviato d’ufficio le indagini per far luce sulle cause che hanno prodotto le lesioni gravi. Il macchinario è stato posto sotto sequestro. Al momento sembra che non siano stati riscontrati malfuzionamenti o irregolarità nei meccanismi e lo stesso sistema di sicurezza era attivo. Spetterà comunque al magistrato disporre una eventuale perizia tecnica.

(servizio aggiornato alle 18)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X