facebook rss

Botti di Capodanno vietati,
multe fino a 500 euro

DIVIETO – Petardi banditi da Jesi, Falconara, Senigallia, Ancona e Fabriano, ma ogni città applica le sue regole. Solo il sindaco di Osimo non firma l'ordinanza: non ci sarebbero sufficienti forze della polizia municipale in servizio per far rispettare il divieto. Bacci vieta gli spari fino alla Befana. Mangialardi li ha messi al bando tutto l'anno, Brandoni li consente per 4 ore
sabato 30 Dicembre 2017 - Ore 11:15
Print Friendly, PDF & Email

I fuochi d’artificio della Festa del Mare 2016

 

Capodanno silenzioso e senza il rischio di feriti dai petardi, o almeno così sperano i sindaci delle maggiori città della provincia di Ancona che hanno firmato le ordinanze e gli atti per vietare l’esplosione dei fuochi d’artificio. Botti e giochi pirotecnici banditi dunque, in tutto o in parte, da Jesi, Falconara, Senigallia, Ancona e Fabriano. Solo il sindaco Pugnaloni di Osimo ha evitato di prendere provvedimenti come invece hanno fatto i suoi colleghi. Motivo? Le forze in servizio della polizia municipale non sarebbero sufficienti durante la notte di San Silvestro per garantire il rispetto del divieto, che rischia perciò di essere un monito inutile. Inutile o meno, resta il deterrente della sanzione: varia da città a città, ad Ancona la multa è di 154 euro, a Jesi e Falconara si va da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro. Il divieto adottato dal sindaco Massimo Bacci dura fino alla Befana. L’ordinanza a Jesi infatti entrerà in vigore alla mezzanotte di sabato 30 dicembre e resterà valido fino alla mezzanotte del 6 gennaio 2018 in tutti gli spazi pubblici. A Falconara e Senigallia già da anni l’esplosione di petardi è vietata durante l’intero anno in tutti gli spazi pubblici. Ma il sindaco Brandoni consente una deroga: esplosioni possibili dalle 21.30 di sabato 31 dicembre e fino alle 2 di notte del primo gennaio, in totale poco più di quattro ore di tana libera a tutti. Per festeggiare in silenzio questo 2018 invece, il sindaco Mangialardi a Senigallia ha ripiegato su uno spettacolo pirotecnico fatto solo di luci, senza esplosioni. Ad Ancona, il sindaco Mancinelli ha adottato la linea più morbida: botti vietati in tutti gli spazi pubblici, ma solo dal 31 dicembre e al 1 gennaio. A Fabriano, il divieto è già contenuto nel regolamento di polizia locale all’articolo 27: esplosioni vietate negli spazi pubblici e ogni spettacolo pirotecnico deve essere autorizzato preventivamente dalle autorità. La regola però vale solo per le strade pubbliche o aperte al pubblico.

Ordinanza anti-botti in vigore a Falconara

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X