facebook rss

Civica Scuola della Ceramica
d’Arte Auximi della Marca:
inaugurata la nuova sede

OSIMO - Ieri il taglio del nastro nei locali di via Ungheria per il progetto pensato e portato avanti con grande passione ed entusiasmo da Armando Duranti
lunedì 15 Gennaio 2018 - Ore 18:22
Print Friendly, PDF & Email

Armando Duranti taglia il nastro nella nuova sede della Civica Scuola della Ceramica d’Arte Auximi della Marca

Con orgoglio ieri ho partecipato all’inaugurazione della Civica Scuola della Ceramica d’Arte Auximi della Marca, un progetto pensato e portato avanti con grande passione ed entusiasmo da Armando Duranti. Così si inaugurano una serie di attività di formazione che hanno ad oggetto la scultura, il restauro e la decorazione della ceramica; un antico mestiere che ad Osimo rappresentava la quarta attività economica per importanza. Un connubio di attività che legano insieme l’artigianato artistico come attività economica con la storia e cultura del nostro territorio. Tutto questo prenderà vita nella sede-laboratorio di Via Ungheria 93 con progetti portati avanti da docenti di eccezione”. L’assessore Michela Glorio ha salutato così l’esordio del progetto artistico coordinato da Arando Duranti che spiega come, con la nascita dell’assocazione culturale si è “assolto ad un dovere verso la città: riconsegnata alla memoria cittadina la millenaria storia dei ceramisti osimani. Noi ci sentiamo sempre in obbligo verso questa città straordinaria che ha udito i nostri primi vagiti o che comunque abbiamo eletto a luogo della nostra vita, per questo abbiamo voluto ringraziarla donandogli ciò che sentiamo più nostro, di più intimo e cioè le nostre passioni: un pezzo importante di storia di questa città bellissima, antichissima ed importante quale Osimo è stata nei secoli e la ceramica”.

Ancona una immagine della cerimonia di inaugurazione alla quale hanno preso parte anche il vice sindaco Mauro pellegrini e l’assessora Michela Glorio

Secondo Duranti, “la storia della ceramica non più al solo uso domestico, sono numerosissimi i reperti, nasce probabilmente come rappresentazione artistico-religioso, vista la presenza di una Curia vescovile rilevante, in epoca bizantina, visto che le sole maioliche di sicura produzione locale ( luogo e data trascritti) sono rappresentazioni iconografiche su maiolica riconducibili al ‘600; una produzione artigianale finita a metà dell’800 e proseguita marginalmente da personaggi noti come la famiglia Cappannari o da Bruno da Osimo. L’inaugurazione della sede dei Mastri Vasari Auximi 1308 vuole essere una ripartenza non solo dal punto di vista culturale ma economico. Nel settecento i ceramisti osimani rappresentavano la quarta attività produttiva degli osimani oggi potrebbe rappresentare occupazione per qualche giovane: noi avremo in parte assolto al nostro compito. Diversa è l’offerta formativa corrisposta a quanti vorranno associarsi ai fondatori della scuola. Dalla formazione professionale vera e propria curata da un ceramista vietrese, alla formazione scolastica semplice, sono in programma corsi di base per tutti le fasce d’età e per disabili. La sede potrà anche essere frequentata singolarmente fuori dal contesto dei corsi a puro titolo di ritrovo culturale. La peculiarità di questa scuola rispetto a quelle sin ora frequentabili, è quella che insegnare anche l’evoluzione dell’arte figurativa, non solo della ceramica, e il restauro. Tecniche antiche e moderne potranno essere di padronanza ai frequentatori cui, se vi sarà l’occasione, potrà accostarsi un corso di pittura vero e proprio curato, anche in questo caso, da personale qualificato”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X