facebook rss

L’arcivescovo Dal Cin
fa visita ai salesiani

LORETO - In vista della ricorrenza di San Giovanni Bosco fissata per il prossimo 31 gennaio, ieri il presule ha celebrato messa e si è fermato a pranzo all'istituto lauretano insieme ai sacerdoti e a una sessantina di ex allievi.
lunedì 29 Gennaio 2018 - Ore 15:28
Print Friendly, PDF & Email

Ieri, 28 gennaio, l’arcivescovo prelato di Loreto, mons. Fabio Dal Cin, in vista della ricorrenza di San Giovanni Bosco (il 31 gennaio) ha fatto visita all’Istituto Salesiano ‘Madonna di Loreto’, celebrandovi una Santa Messa e fermandosi a pranzo insieme ai sacerdoti salesiani e a una sessantina di ex allievi. Nella sua omelia l’arcivescovo ha ricordato come “Don Bosco abbia rigenerato tanti bambini, ragazzi e giovani attraverso l’educazione, rigenerandoli, promuovendo il loro protagonismo nella società e nella Chiesa perché fossero «buoni cristiani e onesti cittadini felici nel tempo e nell’eternità»”.

Rispetto alle valutazioni che si fanno spesso su adolescenti e giovani di oggi, Mons. Dal Cin ha rimarcato come sia “erroneo pensare che noi oggi viviamo in una situazione educativa peggiore di quella che vivevano i primi cristiani o di quella dei cristiani nel tempo delle persecuzioni, o del Medioevo o dei nostri genitori.” Per questo motivo, la domanda che gli adulti devono porsi, oggi come sempre, è: “Come possiamo aiutare i giovani ad andare contro la legge della maggiore comodità, del maggior guadagno, del maggior successo ad ogni costo, o del fare di se stessi un idolo, calpestando gli altri?” L’adulto è chiamato anzitutto ad un gesto d’umiltà: “Fino a quando non ci rendiamo conto che da soli non ce la facciamo, siamo sempre in una situazione ambigua di fronte alle sfide della vita.” “E’ questa la vera sfida educativa, ha concluso Mons. Dal Cin: “una persona, un ragazzo, un giovane come pure un adulto, è capace di uscire dalle proprie comodità e di affrontare anche il sacrificio e la fatica del vivere, soltanto se ha trovato un valore più grande, soltanto se il suo cuore è stato riempito dalla presenza di Cristo. Cristo è l’unico salvatore dei giovani. Su questo Don Bosco ha impostato tutta la sua opera educativa, dunque incamminiamoci con fiducia sulla strada che egli ci ha lasciato!”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X