facebook rss

Abbazia di San Salvatore,
partono le ristrutturazioni
post sisma

FABRIANO - Al via i lavori di messa in sicurezza post sismica nel sito religioso di Valdicastro, lesionato per il terremoto di agosto 2016, dopo 14 mesi di inagibilità. Nella chiesa era sepolto il corpo di San Romualdo
martedì 30 Gennaio 2018 - Ore 17:27
Print Friendly, PDF & Email

Il chiostro dell’Abbazia di Valdicastro

 

I lavori sono partiti nell’Abbazia di Valdicastro

 

L’Abbazia di San Salvatore di Valdicastro è pronta per essere ristrutturata. Dopo 14 mesi di inagibilità partono i lavori. La chiesa, il chiostro e il complesso agrituristico Abbazia di San Salvatore in Valdicastro, nato successivamente per l’accoglienza turistica in questa bellissima località frazione di Fabriano, sono gestiti dalla San Romualdo Società Cooperativa Agricola, che quindi seguirà i lavori come previsto dalla Protezione civile. Il ristorante è sempre rimasto aperto, mentre in seguito al terremoto del 24 agosto la cripta e la chiesa, dove sono visibili delle crepe profonde anche dall’esterno, sono rimaste chiuse per inagibilità. Oltretutto, nel tempo che è trascorso, ci sono state delle infiltrazioni che hanno messo a dura prova i beni artistici interni, fanno sapere i tecnici del Mibact che hanno seguito i progetti. Nella chiesa, già esistente e utilizzata da alcune monache che soggiornavano nel luogo, era sepolto San Romualdo. Il santo fece costruire a Valdicastro alcune celle, vi rimase nel corso di alcuni pellegrinaggi 1012 e nel 1027, quando vi morì e fu tumulato sotto l’altare maggiore della Chiesa.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X