facebook rss

Truffa dello specchietto:
lanciano sasso sull’auto di un’osimana
Lei chiama i carabinieri: denunciati

CAMERANO - Dopo aver simulato l'incidente il 56enne e la sua compagna di 46 anni avevano chiesto il risarcimento danni alla vittima, una 34enne, che ha chiesto aiuto ai militari. Pochi minuti dopo è stata rintracciata la Opel Meriva a bordo della quale viaggiava la coppia
Print Friendly, PDF & Email

Truffa dello specchietto: grazie alla prontezza di riflessi di una giovane vittima di Osimo, i carabinieri di Camerano, ieri mattina, a conclusione di indagini, hanno denunciato in stato di libertà per il reato di tentata truffa aggravata in concorso, una coppia di pluripregiudicati campani, conviventi ed entrambi residenti a Torre Annunziata. Si tratta del 56enne B.S. e della sua compagna 46enne D.R., nata in Bosnia Erzegovina. Tutto è successo nel pomeriggio dello scorso 23 maggio, al centro di Camerano, A bordo di una Opel Meriva guidata dall’uomo, la coppia aveva messo in opera un tentativo dell’ormai famosa truffa dello specchietto, lanciando un sasso contro la fiancata destra dell’autovettura della 34enne osimana, che transitava ignara nel lato opposto al loro. Poi i due avevano che quel rumore fosse stato causato dal’impatto tra le due auto. La donna, scendendo dalla stessa vettura, aveva fermato la malcapitata per chiederle un risarcimento all’impronta,  per un danneggiamento che in realtà non era mai avvenuto.

La giovane vittima, impaurita ma consapevole del possibile tentativo di truffa, anziché fermarsi, si è allontanata in fretta ed ha pensato bene di telefonare subito al 112 per denunciare il fatto. La sua rapidità di azione ha così consentito ai carabinieri di Camerano, in turno perlustrativo nella zona, di intercettare e fermare per l’identificazione, pochi minuti più tardi l’Opel Meriva con a bordo la coppia. L’auto stava transitando per le vie del centro abitato di Camerano, forse in cerca di altre possibili vittime da far cadere in trappola. A carico dei due conviventi, considerata la pericolosità sociale, oltre alla denuncia è stata anche redatta ed inoltrata alla Questura di Ancona, una proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio per 3 anni dalla provincia di Ancona. Negli ultimi mesi  ai carabinieri della Compagnia di Osimo, comandata dal maggiore Raffaele Conforti, erano stati segnalati diversi episodi della truffa delle specchietto, messi a segno o tentati nella città a sud di Ancona.

Torna in azione la ‘banda dello specchietto’

Truffa dello specchietto: spillati 100 euro a un’osimana (Video)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X