facebook rss

Furto monitor dall’albergo,
identificato complice del pusher
che li scambiò per la droga

NUMANA - Il colpo era stato messo a segno nella hall di un albergo di Numana. Il complice dello spacciatore di Porto San Giorgio che aveva ceduto l'eroina in cambio dei due schermi rubati, vive a Fermo ed è stato denunciato per ricettazione e detenzione illegale ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Numana (foto d’archivio)

E’ stato identificato il complice del pusher di Porto San Giorgio che a fine maggio aveva ceduto un dose di eroina ad un numanese, in cambio di due monitor rubati in un albergo della Riviera del Conero. I carabinieri della stazione di Numana, a conclusione di indagini di polizia giudiziaria, ieri hanno denunciato in stato di libertà per i reati di ricettazione e detenzione illegale ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso un altro extracomunitario. Si tratta del 40enne L.T., nato in Marocco, residente a Fermo, e già noto alle forze dell’ordine. Le indagini erano state avviate dopo il furto di due monitor per computer consumato all’interno di un noto hotel di Numana, lo scorso 20 giugno. Nell’immediatezza dei fatti, i militari della Compagnia di Osimo avevano identificato subito lo ‘spacciatore-ricettatore’, il commerciante 37enne B.K., nato in Marocco ma domiciliato a Porto San Giorgio, ritenuto dagli investigatori l’uomo che aveva consegnato la dose di stupefacente ad A.A., il 35enne di Numana (accusato del furto), in cambio dei monitor rubati. Il complice del pusher è stato identificato dopo articolate indagini.

Ruba due monitor in un hotel di Numana per cederli e comprarci cocaina a Porto San Giorgio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X