facebook rss

Cuba-Italia -Legàmi di Cultura,
mostra e convegni a Jesi

EVENTI - Da mercoledì 25 al 31 luglio, al Palazzo dei Convegni di Jesi, la 3ª edizione dell'appuntamento che l’Associazione Culturale Para un Principe Enano propone ogni anno per confermare, rafforzare e rinnovare una conoscenza e contaminazione culturale tra le due realtà
Print Friendly, PDF & Email

Prenderà il via mercoledì 25 luglio, al Palazzo dei Convegni di Jesi, la 3ª edizione di “Cuba-Italia – Legàmi di Cultura”, appuntamento che l’Associazione Culturale Para un Principe Enano propone ogni anno per confermare, rafforzare e rinnovare una conoscenza e contaminazione culturale tra le due realtà, attraverso il coinvolgimento di artisti, istituzioni e figure culturali, evento patrocinato anche quest’anno dall’Ambasciata di Cuba in Italia, oltre che da Comune di Jesi e Comune di San Marcello. “Essenza del lungo percorso culturale di oltre vent’anni di attività ed impegno della realtà guidata da Olga Lidia Priel Herrera sarà infatti la mostra (che proseguirà fino al 31 luglio con orario 18-23), -mette in evidenza un comunicato degli organizzatori dell’evento – con l’esposizione di artisti che hanno condiviso gli intenti dell’Associazione fin dagli inizi ed altri che si sono man mano uniti, diventando partner fondamentali di una realtà in continua evoluzione: da “Cinque Artisti per Cuba” a “Coltivo una rosa bianca”, a “Légàmi”, passando per numerose altre testimonianze di ogni forma culturale sotto i multiformi aspetti e linguaggi. Saranno presenti infatti opere di Andrea Cangemi, Salvatore Carbone, Salvatore D’Addario, Nazareno Rocchetti, Stroli (Lino Stronati), Amleto Bosi, Donatella Capogrosso, Mauro Olmetti, Sergio Osimani, Angela Pedonesi, Lazaro Alberto Silveira Noa, Erik Olivera Rubio, Roberto Ramirez Alpizar, Jorge Manuel Feijoo Reyes ed Omar Rodriguez Santos”.

Le finalità culturali ed interculturali di questo evento saranno sottolineate e valorizzate nell’appuntamento inaugurale del 25 luglio, a partire dalle ore 18, con illustri interventi di approfondimento e la partecipazione di autorità e figure istituzionali, oltre che da coinvolgenti performance di intrattenimento: saranno infatti presenti anche la scuola di danza multietnica Malayka Sharki, il duo di ballerini Tumbaopegao, il gruppo balcanico Iljazi Family Group Mediterranean Sounds e i ballerini di Los Cumbancheros e Kadim. Per l’occasione sarà in città anche una Delegazione dell’Ambasciata cubana a Roma con l’Assessore alle Politiche Culturali Lisset Arguelles Montesinos, che avrà modo anche di visitare ed approfondire la conoscenza delle realtà storico-culturali della città di Jesi. Il giorno successivo, giovedì 26 luglio, la Delegazione visiterà il “Museo del Telefono” di San Marcello (sotto la guida di Aldo Fileni), al termine della quale si recherà in una ulteriore visita alle Sale Museali di Palazzo Bisaccioni di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi.

“Saranno tra l’altro presenti Silvia Martínez e Frank Gonzáles, rappresentanti dell’agenzia stampa ufficiale di Cuba “Prensa Latina”, fondata nel 1959 e che dispone di 40 uffici nel mondo, oltre allo scrittore Roberto Fraschetti, prolifico autore di volumi e scritti sulla realtà cubana, che interverrà con una interessante relazione tra storia e contemporaneo – chiude la nota – Con questa occasione, l’Associazione Para un Principe Enano rinnova anche l’impegno per una conoscenza e divulgazione del pensiero di José Martì, politico, poeta, scrittore, filosofo, giornalista e grande pedagogo per i suoi concetti sull’educazione e per gli interessanti apporti alla pedagogia cubana; diverse e gratificanti sono infatti le collaborazioni con scuole e istituzioni del territorio attraverso iniziative finalizzate all’integrazione ed alla conoscenza reciproca delle diverse realtà. ‘...Injértese en nuestras Repúblicas el mundo; pero el tronco ha de ser el de nuestras Repúblicas…’ (Inserire nella nostra Repubblica il mondo; ma il tronco deve essere sempre della nostra Repubblica), affermava Martí”.

IL PROGRAMMA – Questo il programma dell’evento inaugurale del 25 luglio, ore 18, Palazzo dei Convegni di Jesi: moderatrice, Olga Lidia Priel Herrera, presidente dell’Associazione Culturale Para un Principe Enano, che introdurrà la serata con “Cuba-Italia, la cultura che ci unisce”, interventi Luca Butini, Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Jesi, con il saluto istituzionale, Lisset Arguelles Montesinos, Assessore alle Politiche Culturali dell’Ambasciata Cubana a Roma, in “La politica culturale della Rivoluzione cubana e i suoi vincoli storici-culturali Italia-Cuba”, Pietro Rotoloni, Sindaco del Comune di San Marcello (Sede del Museo del Telefono, il cui inventore Meucci ebbe un forte legame con Cuba), Roberto Fraschetti, scrittore italiano con all’attivo 4 volumi editi su Cuba

In memoria di Salvatore D’Addario, protagonista del progetto “Coltivo una rosa bianca”, in occasione del quale il compianto e poliedrico artista ha donato un suo ritratto di José Martí alla Scuola Beltrami di Filottrano; intervento dell’artista Luigi D’Addario Gala culturale con performance di Artisti multiculturali e la presenza di Frank Gonzáles e Silvia Martínez dell’agenzia stampa “Prensa latina”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X