facebook rss

Trivella da 300mila euro
rubata e abbandonata
nella boscaglia: è caccia al ladro

FABRIANO - Nel corso dei controlli di Ferragosto, i carabinieri hanno visto fuggire nel buio dello svincolo di Fabriano Est l'ombra di un uomo e poco dopo, ispezionando la zona hanno ritrovato il macchinario di 12 metri trafugato da una ditta di Pistoia su un camion immatricolato a Padova. Le indagini proseguono per risolvere il giallo
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Recuperata una trivella del valore commerciale di 300mila euro nella boscaglia ai margini di via Toscano a Fabriano. E’ il bilancio dell’operazione Ferragosto dei carabinieri della città della carta. La scoperta è stata fatta ieri sera verso le 22. I militari in servizio di pattuglia per garantire un tranquillo svolgimento della giornata dell’Assunta hanno notato strani movimenti nell’area dello svincolo di Fabriano Est. La loro attenzione è stata catturata dall’ombra di un uomo che correva nel buio per allontanarsi da quel posto. Ispezionando il luogo i carabinieri hanno trovato un camion abbandonato con sopra caricata una trivella di circa 12 metri di lunghezza senza carrello per il movimento.

Perlustrando l’area attorno, è stato reperito un biglietto cartaceo dove era stato annotato un numero di telefono di una ditta dell’Aretino. Seguendo la pista aperta da quell’indizio è emerso che la trivella utilizzata per scavi in profondità del terreno apparteneva alla Tri.Ger srl, azienda di Pistoia da dove era stata rubata lo scorso 11 agosto. La società aveva denunciato il furto avendo acquistato il macchinario con contratto di leasing. Dalla targa del camion abbandonato, i carabinieri hanno inoltre scoperto che il mezzo, ora radiato dalla circolazione, era di proprietà di un’azienda padovana. Le indagini cercheranno di individuare l’autore o gli autori del furto, forse commissionato per rivendere la costosa merce nel mercato sommerso, e di capire come possono intrecciarsi la vicenda della sparizione della Trivella e quella del camion immatricolato a Padova.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X