facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Come difendersi da truffe e furti,
i consigli della Pm di Castelfidardo:
“Chiedete aiuto al minimo sospetto”

CASTELFIDARDO - Stamattina nella Collegiata di Santo Stefano l'incontro anti-truffe organizzato da Adiconsum Marche e Fnp Cisl . Tra i relatori il vice comandante della Polizia locale, Paolo Tondini che ha suggerito di tenersi lontano dagli abbracci di affascinanti estranee intente a chiedere informazioni e a sfilare catenine, di come comportarsi con chi sostiene di avere subito danni allo specchietto dell'auto e con i falsi avvocati che telefonano a casa per ottenere soldi
Print Friendly, PDF & Email

Un momento dell’incontro pubblico ‘Altolà alle truffe’ organizzato da Adiconsum Marche e Fnp Cisl nella chiesa Collegiata di Castelfidardo

Seduto in prima fila tra il numeroso pubblico, oggi al convegno sulla sicurezza, il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani

E’ in costante aumento il numero di pensionati vittime di furti e truffe. Nell’impegno di uomini e risorse speso nel quotidiano, le forze dell’ordine della Valmusone cercano di sensibilizzare le fasce più deboli della popolazione ai pericoli della microcriminalità. E proprio di come gli over 65 possono difendersi dalle trappole tese dai balordi si è parlato stamattina a Castelfidardo, nella Collegiata di Santo Stefano messa a disposizione da don Bruno Bottaluscio, nel corso dell’incontro pubblico “Altolà alle truffe” organizzato da Adicunsum Marche e dalla Fnp Cisl. Ha aperto gli interventi Loredana Baldi  (Adiconsum) che ha regalato nozioni tecniche  alla platea spiegando come esercitare il diritto di recesso dopo aver accettato involontariamente al telefono di sottoscrivere un contratto per l’acquisto di beni o oggetti, oppure come riconoscere le procedure scorrette di vendita e come evitare le sanzioni legali nel caso in cui si sia abboccato alla compravendita truffaldina.

Paolo Tondini, vice comandante della Polizia locale di Castelfidardo

LA CLASSIFICA DELLE TRUFFE PIU’ DIFFUSE A CASTELFIDARDO – Il vice comandante della Polizia locale di Castelfidardo, Paolo Tondini, ha invece focalizzato l’attenzione sulle truffe che sempre più spesso vengono registrate anche sul territorio fidardense. Nella hit della classifica di questi reati resta al primo posto la ‘truffa dello specchietto’, messa in atto spesso da malintenzionati ‘itineranti’ che si spostano da una città all’altra, seguita da quella del falso avvocato che telefona alla vittima, di solito di età anagrafica elevata, per chiedere anticipi di denaro per pagare multe nelle quali sarebbe incappato un parente dell’interlocutore. C’è poi la ‘truffa dell’abbraccio’, una tecnica collaudata da ragazze avvenenti che, con la scusa di chiedere informazioni stradali, avvicinano gli anziani, li ringraziano con effusioni affettuose e poi sfilano loro collanine, bracciali, portafogli e Rolex d’oro. In tutti i casi va subito chiesto aiuto ai centralini delle forze dell’ordine “superando, se non ci si è avveduti prima,  il naturale senso di vergogna per essere caduti vittima del raggiro” ha rimarcato Tondini.

Castelfidardo, il, Comando della Polizia locale

OCCHIO AI FURTI NEL PERIODO NATALIZIO– In vista delle festività natalizie il commissario Tondini ha inoltre messo in guardia i numerosi castellani, stamattina seduti tra i banchi della chiesa, dal rischio -furti. E’ risaputo che durante i week end di dicembre, la gente esce più spesso di casa e i ladri implementano le loro scorribande. Per difendersi da visite sgradite in casa basta seguire pochi utili accorgimenti. Intanto la porta di ingresso va sempre chiusa a doppia mandata perché anche quelle blindate senza più scatti di chiavi nella serratura posso essere aperte con una semplice lastra di plastica. Va poi evitato di riporre e custodire denaro e gioielli nei luoghi consueti della casa, ad esempio, in cassetti di comodini e armadi della camera da letto perché chi si introduce nell’abitazione di solito si dirige subito in quella stanza. Fondamentale è inoltre il cosiddetto ‘controllo di vicinato’. Se una famiglia è assente per lavoro o vacanze ed il vicino di casa nota movimenti strani, deve subito segnalarli alle forze dell’ordine piuttosto che minimizzare e far finta di nulla. “Chiedete aiuto al minimo sospetto” ha ripetuto e sottolineato il vice comadante Tondini.  Segnalare in tempo reale quello che ci appare come poco ordinario aiuta carabinieri, polizia e polizia locale a intervenire subito per prevenire o contrastare i reati.

Nel corso dal convegno, i promotori dell’incontro, hanno annunciato che per problemi organizzativi, il prossimo appuntamento sulla sicurezza previsto ad Osimo per mercoledì 14 novembre alle 15,30 nella sede Cisl di via S. Gennaro, è stato rinviato ad altra data.

‘Altolà alle truffe’ ai danni di anziani, tre incontri informativi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X