facebook rss

Operatrice ecologica intimidita al lavoro,
l’assessora: «E’ stato un candidato sindaco»

OSIMO - Veleni e tensioni nella campagna elettorale. Michela Glorio ha espresso solidarietà sui social media alla lavoratrice Astea aggredita verbalmente, martedì scorso in centro storico, mentre prestava servizio. «Le sono state fatte velate allusioni relative al futuro del suo posto di lavoro. Un gesto inaccettabile: non è la città che vogliamo»
giovedì 4 Aprile 2019 - Ore 20:03
Print Friendly, PDF & Email

Corso Mazzini

 

Nervosismo, tensioni e velate intimidazioni usate come arma politica. La campagna elettorale per le Comunali di Osimo rischia di sconfinare in un clima avvelenato tra percezioni e gesti estemporanei. Stamattina è scoppiata una rissa in piazza Rosselli mentre era in atto un volantinaggio elettorale. Due giorni fa un’operatrice ecologica sarebbe stata aggredita verbalmente da un candidato sindaco mentre svolgeva il suo lavoro in centro storico. Sull’episodio, raccontato  nel tardo pomeriggio di oggi in un post sui social media dall’assessora Michela Glorio, non sono tardate le reazioni. Tutte negative, alcune divise tra l’indignazione e lo sconcerto. La Glorio, probabile capolista di ‘Ecologia e Futuro’ la lista civica di Sinistra Italiana nella coalizione che sosterrà il sindaco Simone Pugnaloni (Pd), ha espresso per prima piena solidarietà alla donna anche a nome della Giunta uscente di Osimo.

L’assessore Michela Glorio

«Spero che la nostra vicinanza le sia da stimolo per potersi lasciare alle spalle questo brutto episodio. Non è questa la Osimo che vogliamo, basta intimidazioni. – sottolinea l’assessore, dipendente di una ong e particolarmente sensibile ai temi del lavoro e della parità di genere – In orario di lavoro, mentre prestava servizio in centro storico, martedì mattina, la donna è stata avvicinata da questo candidato sindaco che l’ha apostrofata facendo allusioni sul futuro del suo posto di lavoro. Parole che sono state pronunciate alla presenza di altri passanti che si trovavano a poca distanza. L’operatrice ecologica, abbastanza amareggiata e turbata per quello che era accaduto, si è rivolta ai suoi referenti Astea. Poi qualcuno mi ha contattato per segnalarmi quello che era accaduto. Questa lavoratrice che vuole rimanere nell’anominato, non svolge alcun tipo di attività politica né è intenzionata a candidarsi con qualche forza politica, tanto meno con il sindaco Pugnaloni. E’ stata aggredita senza motivi oggettivi e personalmente, ricevendo intimidazioni relative al suo posto di lavoro. Un gesto inaccettabile. Un abbraccio da me e da tutta la giunta e un augurio di poter continuare con serenità il proprio lavoro». Anche il capogruppo consiliare del Pd, Giorgio Campanari, ha espresso piena vicinanza alla dipendente Astea «da parte anche di tutto il nostro gruppo di consiglieri comunali di maggioranza» ha commentato sui social media. «Dispiace che l’astio politico incida sulla vita di chi si impegna nel proprio dovere» ha aggiunto anche l’assessora Federica Gatto (Energia Nuova).

Scoppia la rissa durante il volantinaggio politico: un ferito e una denuncia

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X