facebook rss

Lite col fidanzato, compleanno choc:
sfonda il cancello con l’auto
e fugge inseguita dai carabinieri

OSTRA - Piantata in asso dopo un litigio, la donna è andata a casa di lui in slip e maglietta. L'uomo non l'ha fatta entrare innescando la reazione di lei. E' finita con una denuncia per una sfilza di reati e il ritiro della patente per guida in stato di ebbrezza
sabato 25 Maggio 2019 - Ore 15:59
Print Friendly, PDF & Email

 

di Talita Frezzi

Compleanno turbolento per una 45enne di Ostra: il fidanzato non la fa salire in casa e lei gli sfonda il cancello con l’auto, poi fugge, inseguita dai carabinieri. E’ finita con la denuncia per una sfilza di reati: danneggiamento, violazione di domicilio, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, guida sotto l’effetto di alcol. A queste si aggiungono una serie di contravvenzioni al codice della strada per guida pericolosa. La lunga notte di una 45enne di Ostra è cominciata verso le 24, a Pianello. La donna, salita in auto ubriaca in slip e canotta, è partita in direzione della casa del fidanzato con cui aveva litigato qualche ora prima, nella sera in cui la 45enne festeggiava il compleanno. Quando ha suonato per farsi aprire l’uomo si è rifiutato di farla entrare a casa. La donna allora per ripicca è salita in auto, ha dato gas e ha sfondato il cancello di accesso ai garage tentando di raggiungere l’abitazione dell’uomo attraverso la scala interna ma è stata bloccata dagli altri familiari che hanno chiamato il 112. La donna era completamente fuori di sé. All’arrivo dei carabinieri della Stazione di Ostra la 45enne è risalita velocemente in auto ed è scappata. I carabinieri l’hanno inseguita a sirene spiegate, lungo via Arceviese, via Montalboddo, via Santa Maria Apparve. La donna ha compiuto diverse manovre pericolose finché non è stata raggiunta e bloccata dai carabinieri in via Verdi. La donna, con addosso solo una maglietta ed un paio di slip, ha inveito contro i carabinieri, apostrofandoli con parole oltraggiose e offese. Nel frattempo è arrivata anche una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Senigallia in supporto. La donna è stata sottoposta ad accertamento con l’etilometro ed è risultata positiva con un tasso pari al 1,12 grammi per litro di alcol nel sangue (il doppio rispetto al limite consentito: 0,5). Considerato lo stato psico-fisico, i carabinieri hanno chiamato i familiari della donna i quali sono giunti sul posto e l’hanno presa in consegna. Anche l’auto è stata affidata ai familiari. Riportata la calma e normalizzata la situazione, i militari hanno cercato di ricostruire le ore che avevano preceduto quell’epilogo così folle: la donna ha raccontato di aver trascorso la serata a casa sua con il fidanzato. Poi erano andati in un locale per bere qualcosa. Ad un certo punto i due avevano litigato e l’uomo se n’era andato piantandola in asso, proprio il giorno del suo compleanno. Lei se n’era tornata da sola a casa. Poco prima della mezzanotte, aveva ricevuto una telefonata dal suo uomo che l’aveva invitata a raggiungerlo a casa. Lei era uscita così come si trovava, ma una volta arrivata sotto l’abitazione del fidanzato, lui non l’aveva fatta entrare, provocando la sua reazione sconsiderata. Al termine degli accertamenti la donna è stata denunciata per il danneggiamento del cancello e per la violazione di domicilio in quanto si era introdotta nelle pertinenze dell’abitazione del fidanzato senza il suo permesso. E’ stata denunciata anche per resistenza a pubblico ufficiale in relazione alla fuga e alla guida pericolosa e per oltraggio oltre che per guida in stato di ebbrezza. La patente di guida le è stata ritirata per i provvedimenti di competenza del Prefetto.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X