facebook rss

Muro sul mare,
il sindaco Signorini:
«Dobbiamo restare uniti»

FALCONARA  - Stamattina l’incontro in Regione. Gli amministratori dei Comuni costieri interessati dal progetto delle barriere fonoassorbenti di Rfi accompagneranno il sindaco di Mondolfo alla conferenza dei servizi convocata a Roma il 9 luglio dal Ministero
Print Friendly, PDF & Email

 

Gli amministratori dei Comuni costieri interessati dal progetto delle barriere fonoassorbenti di Rfi accompagneranno il sindaco di Mondolfo, Nicola Barbieri, alla conferenza dei servizi convocata a Roma il 9 luglio dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: si tratta della prima conferenza che riguarderà un Comune marchigiano. La decisione è stata presa oggi durante l’incontro in Regione con tutti gli amministratori locali delle Marche che si stanno opponendo al ‘Muro sul mare’, ossia le barriere antirumore che Rfi ha progettato di realizzare lungo i binari, come unica soluzione all’inquinamento acustico provocato dai treni. L’incontro di questa mattina, convocato dalla vicepresidente della Giunta regionale Anna Casini, era stato sollecitato proprio dal primo cittadino falconarese, che si era appellata all’unità non solo tra le amministrazioni comunali interessate, ma anche con la Regione, per dialogare in modo univoco con le istituzioni nazionali. Va proprio nel segno dell’unità la decisione di accompagnare il sindaco Barbieri alla conferenza dei servizi del 9 giugno, che sarà incentrata sul tratto di barriera fonoassorbente progettata per il territorio di Mondolfo. Per ogni Comune sarà infatti convocata una conferenza specifica. «La battaglia contro il muro va combattuta tutti uniti», ribadisce il sindaco Stefania Signorini. «Oltre all’aspetto dell’unità – aggiunge il primo cittadino falconarese – ho sottolineato anche l’importanza del sostegno dei cittadini, che è stato evidente nel corso della manifestazione ‘Tutti uniti contro il muro’ di domenica 23 giugno, organizzato con il comitato ‘No al muro, sì al mare di Falconara’ e con il coordinamento dei comitati marchigiani, la cui attività è stata fondamentale». La richiesta alla Regione è stata quella di presentare una proposta di legge in materia di abbattimento dell’inquinamento acustico che consenta di utilizzare strumenti diversi dalle barriere. La Regione si è impegnata ad affrontare la questione normativa all’interno del tavolo con Rfi e a inviare una richiesta di incontro al Mit anche a firma dell’Anci.

Barriere lungo la ferrovia, progetto Regione-Comuni: equilibro tra meno rumore e paesaggio

Una catena umana in spiaggia per dire no alla barriera Rfi sulla costa (Foto/Video)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X