facebook rss

Maltempo, Sirolo
chiede lo stato di emergenza

DOPO LA TEMPESTA di pioggia e vento, anche la Perla dell'Adriatico conta i danni, tra la caduta di alberi su strade e mezzi privati, cavi della illuminazione pubblica divelti e allagamenti di seminterrati
giovedì 11 Luglio 2019 - Ore 13:11
Print Friendly, PDF & Email

 

Il forte nubifragio con tromba d’aria che ha colpito il territorio di Sirolo nel pomeriggio di martedì 9 luglio scorso ha provocato ingenti danni alle strutture pubbliche e private. L’abbattimento di un notevole numero di alberi ad alto fusto in diverse zone del territorio ha comportato la chiusura di numerose strade pubbliche.«La principale situazione di pericolo si è verificata in un tratto della S.P.2 (Via La Forma), completamente ostruito dalla caduta di numerose alberature.- ricorda il sindaco Filippo Moschella- Con i mezzi e gli uomini a disposizione di questo Comune e di altri mezzi privati, si è immediatamente intervenuti per consentire il ripristino immediato della viabilità stradale principale e secondaria. Ancora oggi si sta lavorando per effettuare lavori di ripristino della viabilità, per mettere in sicurezza gli alberi che si trovano nelle vicinanze delle sedi stradali mediante il taglio dei rami pericolanti».

Il sindaco di Sirolo, Filippo Moschella

Nell’ex zona artigianale di Sirolo è stata completamente divelta la linea aerea della pubblica illuminazione. L’area è stata invasa anche da materiale proveniente dai vicini capannoni artigianali, che hanno subito notevoli danni (scoperchiamento coperture, vetri rotti oltre alle numerose alberature cadute all’interno delle proprietà private). «Visti dunque i numerosi danni ad alcune abitazioni residenziali di detta zona e gli allagamenti di piani seminterrati di abitazioni private e pubbliche, valutati i citati danni, nella giornata di ieri 10 luglio il comune di Sirolo – fa sapere il sindaco – ha chiesto al Servizio di Protezione Civile della Regione Marche che venga dichiarato lo stato di emergenza».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X