facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Maltempo a Sirolo,
evitato il danno ambientale

EMESSA l'ordinanza sindacale per la rimozione dell'eternit dai tetti delle ditte e la rimozione dei frammenti caduti a terra
Print Friendly, PDF & Email

 

La tromba d’aria che ha colpito Sirolo ha scoperchiato anche i tetti in eternit di diversi capannoni:  pronta e risolutiva la risposta delle amministrazioni per la tutela della pubblica incolumità. Molti alberi, fra cui alcune querce adulte, sono caduti bloccando il traffico sulla Strada Provinciale 2 Sirolo-Senigallia e nelle zone di Monte Colombo e Ancarano, il cui regolare flusso è stato ripristinato col lavoro incessante degli operai comunali, di quelli di alcune ditte del luogo e della Polizia Locale, a meno di due ore dall’evento. Oltre agli alberi, la furia del vento ha scoperchiato porzioni di tetti di cinque capannoni industriali situati a ridosso della provinciale, che si sono frantumate al suolo. I carabinieri del Comando Forestale Conero, sempre in stretto contatto col Comune di Sirolo, a poche ore dall’accaduto hanno richiesto l’intervento dell’Arpam Marche per il prelievo e l’analisi dei frammenti di manufatti precipitati a terra. Giovedì sono stati eseguiti i prelievi dei campioni ed è stato certificato che si tratta di amianto. Il responso è pervenuto alle 19,08 di ieri al Comune di Sirolo, che, valutato il concreto e attuale il pericolo per la salute pubblica, in pochi minuti ha emesso e iniziato a notificare l’ordinanza sindacale per l’immediata e completa rimozione dell’eternit sia dai tetti delle ditte sia in tutte le aree esterne alle stesse. Le operazioni di bonifica dell’area interessata, già segnalata dalla Polizia Locale per evitare lo stazionamento di curiosi o abitanti, secondo l’ordinanza dovranno iniziare entro tre giorni dalla notifica, ma di fatto sono già in atto da giovedì 11 da parte di una ditta specializzata nel recupero e smaltimento del cemento-amianto. Per il sindaco di Sirolo, Filippo Moschella, in sole 72 ore dalla tromba d’aria si è scongiurato un grave danno ambientale, a riprova oggettiva dell’efficienza, della sinergia e stretta collaborazione tra le amministrazioni che operano per la tutela della pubblica incolumità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X