facebook rss

Autovelox sulla Statale 16, la Lega
apre uno sportello informativo

FALCONARA - Dopo le polemiche, il consigliere comunale Stefano Caricchio ha deciso di istituire un punto informativo nella sede del Carroccio dove i cittadini potranno rivolgersi per avere chiarimenti tecnico-giuridici per intentare eventuali ricorsi
domenica 22 Settembre 2019 - Ore 16:37
Print Friendly, PDF & Email

Il punto dove è stato installato il velox

 

Il nuovo autovelox di Falconara continua a far parlare. Stavolta dice la sua il consigliere comunale della Lega, Stefano Caricchio, che, nel ricordare come l’installazione di postazioni fisse per il controllo della velocità su strada impone il rispetto delle circolari ministeriali, annuncia l’istituzione di uno sportello informativo nella sede del Carroccio di Falconara. Un punto dove i cittadini «potranno rivolgersi per avere dettagliate informazioni tecnico/giuridiche per intentare eventuali ricorsi» spiega.

Il nuovo autovelox posizionato lungo la statale 16 in direzione Ancona, nel tratto compreso tra la raffineria Api e lo svincolo in direzione Jesi, è diventato in questi ultimi giorni di particolare interesse per i media oltre che per gli automobilisti falconaresi e non. Da tempo sto approfondendo questo tema, come peraltro stanno facendo altre associazioni come ad esempio Fabio Amici consulente dell’Associazione dei Consumatori ed utenti ACU Marche. Anche l’ACU Marche infatti si sta interessando alla situazione relativa alle numerose notifiche effettuate dall’autovelox in questione. Amici ha infatti coinvolto un noto avvocato locale con il quale ha collaborato, con esito favorevole, per la simile situazione legata all’ l’autovelox di Filottrano il quale sta producendo parere tecnico/legale in merito alla legittimità dell’Autovelox di Falconara; nel caso in cui dovessero emergere violazioni di legge o di circolari ministeriali, Acu Marche proporrà ai cittadini le iniziative più efficaci per tutelare i loro diritti. Infatti nonostante le dichiarazioni del Sindaco in merito alla correttezza di tutto l’iter di installazione, sono numerose le criticità e i dubbi sulla presenza di possibili irregolarità. E’ utile ricordare che il posizionamento di tali apparecchiature è definito da circolari ministeriali che ne stabiliscono le modalità e gli obblighi; ad esempio la segnaletica obbligatoria che ne indica la presenza deve deve essere ben visibile e precedere il rilevatore di almeno un chilometro , ma la distanza è realmente rispettata? Ed inoltre, durante le ore notturne il rilevatore e’ segnalato/illuminato regolarmente? oppure, l’essere stato posizionato subito dopo un ponte con successivo svincolo (per Jesi) e curva (per Ancona) rappresenterebbero elementi di criticità? A seguito di richiesta atti emergerebbe che, come anche comunicato dal Sindaco, per valutare l’idoneità all’installazione l’amministrazione si sarebbe basata su un decreto Prefettizio del 2012 (in fase di aggiornamento) e sull’autorizzazione all’installazione da parte dell’ANAS (alla quale andrebbero il 50% degli incassi delle sanzioni notificate in quanto ente proprietario della strada); non ci risulta invece che vi sia stato un parere preventivo formulato ed ottenuto dalla Prefettura di concerto con le altre autorità ministeriali.

L’aspetto della sicurezza inoltre non ha un’incidenza significativa su questa scelta, che è a mio avviso di carattere economico; il rilevatore infatti insiste in un tratto di carreggiata rettilineo, estremamente ampio e con visibilità molto buona, non oggetto di significativi sinistri e ben lontano dall’area della stazione di servizio “caffetteria” ben nota invece a causa di numerosissimi incidenti mortali (area per la quale non si sono spese energie, forse perché eventuali introiti di segnalatori in zona non sarebbero di competenza comunale). A rafforzare questa idea ci sono anche le dichiarazioni rilasciate dal sindaco che, in risposta alle numerose critiche ricevute, risponde “solo un terzo delle sanzioni hanno riguardato automobilisti residenti a Falconara” come a significare che il bacino dei suoi voti è danneggiato da questa scelta solo in maniera ridotta.

Tutti questi aspetti portano a pensare che i rilevatori, cosi come posizionati, potrebbero non essere un beneficio per la circolazione stradale ma un semplice danno per gli automobilisti ed è per questo che ho deciso di istituire uno sportello informativo presso la nostra sede di via IV Novembre a Falconara, a cui i cittadini dalla seconda metà di ottobre nei pomeriggi di giovedì e venerdì dalla 17.30 alle 19.30, potranno rivolgersi per avere dettagliate informazioni tecnico/giuridiche per istituire eventuali ricorsi. Un ulteriore cosa rimane poco chiara, come mai non è il dirigente preposto che ha firmato l’atto a rispondere tecnicamente ai numerosi critici di tale installazione, bensì il sindaco? C’è qualcosa che non quadra.

Stefano Caricchio – consigliere comunale Lega Salvini premier

Autovelox, è guerra aperta Il Comune: «Non è una trappola» Assoutenti: «Serve a far cassa»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X