facebook rss

La Mille Miglia torna a Fabriano

EVENTO - La 38esima edizione rievocativa della "corsa più bella al mondo" è stata presentata stamattina a Brescia. Il sindaco Santarelli: «Ospitarla per due anni consecutivi non è facile ma il lavoro fatto e il modo con cui abbiamo coccolato gli equipaggi hanno portato ad ottenere il risultato»
Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

Nel 2020 la Mille Miglia tornerà nelle Marche passando per  Urbino, Macerata, Fabriano, Fermo, Ascoli fino ad Amatrice. La 38esima edizione rievocativa della corsa più bella al mondo è stata presentata stamani a Brescia. «Lo sforzo profuso nella scorsa edizione e il successo ottenuto ci ha consentito di ripeterci subito nel prossimo anno. – ha commentato il sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli – Ospitare per due anni consecutivi la Mille Miglia non è facile soprattutto per una città delle dimensioni di Fabriano ma il lavoro fatto e il modo con cui abbiamo coccolato gli equipaggi hanno portato ad ottenere questo risultato. Siamo molto orgogliosi e soprattutto felici per la nostra città che potrà tornare a farsi ammirare e questa volta con la fontana Sturinalto completamente visibile e ristrutturata. Avevamo questo conto in sospeso e siamo contenti di poter subito riscattarci e di poter offrire il meglio che Fabriano sa dare in termini di bellezza e accoglienza. Un grande risultato arrivato anche grazie alla collaborazione dei tanti volontari che hanno supportato l’organizzazione e all’impeccabile servizio di Ristorart Catering che nella scorsa edizione ha curato il catering. Quando ci si mette insieme per raggiungere risultati importanti non c’è niente che ci possa fermare e non siamo secondi a nessuno. Il 2019 è stato un anno memorabile e faremo in modo che anche il 2020 possa lasciare qualcosa di importante alla città e a tutti i fabrianesi».

Un’edizione quella della MM 2020 che ha un preciso intento solidale nei confronti delle popolazioni terremotate del centro Italia, alle quali i 400 equipaggi provenienti da tutto il mondo porteranno il proprio saluto. Da Brescia, fra il 13 e il 16 maggio, saranno oltre 1.800 i chilometri da percorrere secondo un tracciato che, quest’anno, nella sua seconda giornata si snoda fra Marche e Lazio andando nei territori più colpiti dai sismi del 2016. La carovana passerà da Macerata il 14 maggio, arrivando da Urbino, Fabriano e proseguendo poi in direzione di Fermo, Ascoli fino ad Amatrice.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X