facebook rss

Sindacati uniti in piazza
per fermare il massacro dei curdi (Foto/Video)

ANCONA - Cgil, Cisl, Uil e altre associazioni questa mattina a piazza Roma per lanciare un appello contro la guerra in Siria. Tra i presenti, anche Karim Franceschi, l'attivista che ha combattuto contro l'Isis
Print Friendly, PDF & Email

I sindacati in piazza

Un presidio per fermare la guerra di Erdogan in Siria. E’ quello che è andato in scena questa mattina in piazza Roma a firma dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e di alcune associazioni cittadine, comprese quella universitaria del Gulliver. Tra i presenti, anche Karim Franceschi, attivista e scrittore che, nel 2014, si è unito allo Ypg e ha combattuto contro l’Isis durante l’assedio di Kobane.

Karim Franceschi

«Eventi come quelli di oggi sono molto importanti – ha detto Franceschi -. Quello che sta succedendo adesso è frutto di un complotto che ha visto tutto il mondo partecipe. L’aggressione selvaggia poteva essere fermata, perchè è stata un’invasione preannunciata da parte di Erdogan. Si sta verificando una guerra contro il popolo curdo, un popolo che ha sofferto da decine di anni, ma è sempre rimasto in silenzio. I curdi vorrebbero soltanto una loro autonomia, un loro governo. Il popolo di tutto il mondo sta dalla parte dei curdi, dobbiamo fermare questa guerra». Durante il presidio, i manifestanti hanno chiesto il blocco della vendita delle armi italiane alla Turchia di Erdogan, anche per i contratti già in corso, lo stop ai negoziati per l’ingresso della Turchia nella Ue e sanzioni economiche nei confronti dello stato aggressore.

Le associazioni che hanno partecipato: Cgil Ancona, Cisl Ancona e Uil Marche, Anpi Ancona, Arci Ancona, Jesi e Fabriano, Libera Ancona, Gulliver Ancona, Udu Ancona, Rete studenti medi Ancona, Tenda di Abramo, Iscos Marche, Anolf Ancona, Free Woman, Consulta per la Pace Jesi, Legambiente Circolo Ancona Pungitopo, Articolo 1 Marche e Ancona, Casa delle donne Jesi, Casa della Cultura Jesi, Università della Pace Ancona, Pd Marche, Associazione Senza Confini Ancona, Terzavia Onlus, PRC Circolo culturale spazio rosso Ancona, PRC Terracini Jesi.

(Redazione CA)

(foto di Giusy Marinelli)

 

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page