facebook rss

Una ‘Notte delle Candele’
con il gusto della tradizione

BELVEDERE OSTRENSE - E' in programma una super edizione per ‘Vecchi Sapori d'Autunno’ con tanti eventi e partire da giovedì 14 novembre
Print Friendly, PDF & Email

 

‘Vecchi Sapori d’Autunno’, alla riscoperta della tradizione per immergersi nella nostra identità culturale. Questo e molto altro porterà la nuova edizione, la 22esima, della famosa manifestazione di Belvedere Ostrense. Una super edizione, quella del 2019, che punterà molto di più sulla cultura identitaria di un territorio al confine tra la Vallesina e la costa senigalliese, immerso nelle colline marchigiane, con un programma arricchito ed un giorno in più rispetto al passato. Si partirà infatti giovedì 14 novembre con la “Notte delle Candele” una novità che vedrà, oltre all’apertura anticipata di diverse taverne, la presenza di Chef Antonio della Taverna degli Archi per uno show coocking, lo spettacolo dei Fuochi Fatui e l’intero centro storico di Belvedere Ostrense illuminato esclusivamente da oltre 4mila candele.

Una serata unica e suggestiva per aprire al meglio la manifestazione, dislocata in tutto il centro storico, che per l’occasione mette a disposizione dei visitatori le antiche taverne, situate all’interno delle mura castellane risalenti al 1400. Quindici in tutto e resteranno aperte nei successivi 3 giorni, fino a domenica 17 novembre (quest’ultimo anche a pranzo), per accogliere i visitatori che saranno letteralmente immersi in eventi di ogni genere, mostre, corsi di cucina, convegni, concerti e spettacoli suggestivi. Due i mercatini presenti, quello dell’artigianato e quello dei prodotti tipici. Tra gli obiettivi della manifestazione infatti, promossa dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune di Belvedere Ostrense, di Coldiretti e Confartigianato, c’è anche la valorizzazione e promozione dei prodotti e piatti della tradizione. L’ingresso è gratuito ed è stato allestito un ampio parcheggio alle porte del centro storico, collegato alla festa con un servizio di bus navetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X