facebook rss

Bufera in Comune, il sindaco:
«Ancona non abbasserà la testa
per una mela marcia»

VALERIA MANCINELLI ha deciso di non partire per Milano dove oggi era attesa dal sindaco Beppe Sala per parlare dei 'principi del buon governo'. «Chiedo alla magistratura di fare subito chiarezza»
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Mancinelli in consiglio comunale

 

Bufera in Comune per l’inchiesta dei presunti appalti pilotati, Mancinelli salta l’incontro con il sindaco di Milano previsto per oggi pomeriggio. Il tema doveva essere quello dei ‘principi del buon governo’, sottotitolo del libro del primo cittadino di Ancona. «Ho chiesto al collega di Milano Sala di rinviare l’incontro pubblico previsto per oggi pomeriggio per essere in Ancona e continuare il lavoro per la città. Ho incontrato gli assessori ed altri funzionari, abbiamo programmato un incontro con i dirigenti e verificato il progetto di riqualificazione del mercato di Piazza d’Armi che presenteremo lunedì. Sono rimasta in Ancona perché sono il Sindaco eletto dai cittadini e devo lavorare per la mia città, più che mai in questo momento difficile, e realizzare i progetti che gli anconetani chiedono da tempo.Abbiamo cambiato Ancona e continueremo a cambiarla». Il sindaco chiede agli inquirenti di fare in fretta: «siano veloci e chiariscano. Se ci sono mele marce agiremo con assoluto rigore perché onestà e trasparenza sono nel nostro DNA e nel DNA di amministratori e dipendenti del Comune di Ancona. Conosco e stimo i miei assessori ed ho piena fiducia nei loro confronti. Verso l’assessore Manarini non esiste alcuna ipotesi di corruzione o concussione. Leggo da indiscrezioni giornalistiche che altri Assessori sarebbero indagati. La fonte si riferisce a vicende che non hanno niente a che fare con i lavori pubblici e con l’arresto del geometra. Ho verificato che i presunti assessori indagati non hanno ricevuto comunicazione alcuna e sempre dalle indiscrezioni di stampa non esisterebbero comunque problematiche riconducibili a corruzione e concussione. Anche per questo chiedo con forza che si chiarisca e si eviti di mischiare situazioni diverse per dipingere un quadro a tinte fosche che non sta ne in cielo ne in terra. Ancona ha rialzato la testa e non la abbasserà di certo per una mela marcia».

Bufera in Comune, mezza giunta indagata Anche i dirigenti nel mirino

Corruzione in Comune, tra gli appalti i laghetti del Passetto Perquisito ufficio dell’assessore Manarini

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X