facebook rss

Tentato furto in via Ferrari:
ritrovata l’auto della fuga

OSIMO - La Fiat Punto è stata abbandonata da tre individui a Campocavallo ieri sera dopo il colpo sventato dai carabinieri. Tra loro forse c'era anche una donna. Sono in corso le indagini
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

E’ stata abbandonata e ritrovata ieri sera a Campocavallo di Osimo, ai confini con il territorio comunale di Castelfidardo, l’auto utilizzata da ladri in fuga dopo il tentativo di furto sventato nel tardo pomeriggio in via Ferrari. Grazie alla tempestiva segnalazione dei residenti della zona, i carabinieri sono riusciti a intercettare la vettura dei fuggiaschi, una Fiat Punto, in serata, dopo il ritrovamento hanno provveduto a porre il mezzo sotto sequestro. I passeggeri sono riusciti invece a fare perdere le proprie tracce fuggendo per campi incolti. Alcuni testimoni avrebbero visto darsela a gambe una batteria di tre figure nell’oscurità. Tra loro, forse, c’era anche una donna. Dai primi riscontri ed accertamenti, la vettura non risulta rubata e dopo la perquisizione non è stata trovata refurtiva a  bordo. Accertato il nome del proprietario del mezzo, i carabinieri visioneranno anche le telecamere che sorvegliano il percorso utilizzato dal gruppetto per fuggire. Sembra che ieri pomeriggio sia stato segnalato anche il tentativo di furto in via Tonnini a poca distanza in linea d’aria da via Ferrari.  Con la collaborazione dei cittadini, i militari della Compagnia di Osimo stanno, insomma, cercando di fare terra bruciata attorno alle varie bande itineranti di ladri che in queste settimane hanno saccheggiato diverse abitazioni di Osimo e della Valmusone. Mentre ieri sera una pattuglia era impegnata nell’inseguimento della Fiat Punto, i mezzi del Norm completavano in Umbria l’operazione che ha portato all’arresto della banda dell’Audi che ha compito nelle scorse settimane anche nella provincia di Ancona.

Furti nelle case, sgominata la banda dell’Audi

Tentano il furto in casa, ladri costretti alla fuga dai carabinieri

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X