facebook rss

Ciclista viola il lockdown
e fornisce false generalità:
denunciato due volte

FABRIANO - Il 58enne è incappato nei controlli dei carabinieri in piazzale Matteotti: prima si è rifiutato di dire il suo nome e cognome, poi si è inventato un'identità inesistente e non avendo saputo giustificare la sua uscita di casa dovrà pagare anche la multa. A Genga un 42enne si è messo al volante dopo aver bevuto
Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

I carabinieri di Fabriano lo hanno intercettato in sella alla sua bicicletta, la mattina di Pasqua. Il 58enne fabrianese è stato sorpreso a pedalare su piazzale Matteotti e a fronte di una mancanza di giustificazione per la sua uscita di casa è scattata subito la sanzione di 373 euro per aver violato le disposizioni sul lockdown. L’uomo però è riuscito da solo a complicare la sua posizione. Si è rifiutato fin dall’inizio di fornire la sue generalità ai militari che lo stavano controllando. Non basta. Ha pensato bene di dichiarare in seguito una falsa identità (nome e cognome inesistenti, poi accertati in caserma) pertanto è stato denunciato due volte, per il rifiuto iniziale di favorire le sue generalità e per averle poi fornite false. A Osteria di Colleponi di Genga, un 42enne del posto alla guida di una Opel, appena ha intravisto l’auto d’ordinanza dei carabinieri ha cercato di evitare i controlli. E’ emerso che l’uomo si era messo alla guida con un tasso alcolemico di 1.7 g/l (la tolleranza legale è di 0.50). Inevitabili la denuncia per guida in stato d’ebbrezza, la sospensione della patente, il sequestro della vettura di proprietà dell’uomo  e la multa per essere uscito di casa senza ottemperare alla restrizioni previste per arginare la diffusione del Covid 19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X