facebook rss

Il commissario capo Stefano Bortone
alla guida del Commissariato di Osimo

I SALUTI istituzionali stamattina a palazzo comunale con il questore Pallini e il sindaco Pugnaloni. Il nuovo dirigente ha 40 anni e proviene dalla Scuola Allievi della Polizia di Stato di Vibo Valentia
Print Friendly, PDF & Email

 

Si è insediato ieri il nuovo dirigente del Commissariato di Ps di Osimo. Il commissario capo Stefano Bortone, 40 anni, originario dell’Abruzzo, una laurea in Giurisprudenza conseguita presso l’Università di Teramo, proviene dalla Scuola Allievi della Polizia di Stato di Vibo Valentia e subentra al vice questore Giuseppe Todaro, assegnato ad altro prestigioso incarico presso la Questura di Rimini.

Il commissario capo Stefano Bortone con il sindaco SImone Pugnaloni

Nella Scuola Allevi Agenti di Vibo Valentia, dove è stato assegnato al termine del 103° corso per commissari, ha svolto con passione e determinazione l’incarico di dirigente dell’Ufficio Corsi e Studi e direttore del locale Poligono di tiro; ha conseguito con profitto un diploma di formatore per la materia concernente la tutela dei Diritti Umani ed il contrasto verso ogni forma di discriminazione presso l’Oscad incardinato all’interno del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, e si è dedicato principalmente alla formazione di Allievi Agenti nonché di Sovrintendenti ed Ispettori della Polizia di Stato, svolgendo docenze nelle principali materie giuridiche e professionali. Ha anche realizzato diversi moduli per la formazione a distanza del personale della Polizia di Stato, tra cui, in particolare, quello in materia di atti persecutori e la normativa connessa, ed in più occasione è stato relatore nell’ambito di incontri con scolaresche della provincia di Vibo Valentia sul tema del cyberbullismo. Il questore di Ancona, Giancarlo Pallini, stamattina ha incontrato il neo dirigente ed il personale degli uffici presso la sede del Commissariato, dopodichè insieme si sono recati in visita dal Sindaco della città per un saluto istituzionale e per rinnovare la collaborazione interistituzionale, al fine di ottenere proficui risultati sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Il commissario capo Bortone è stato ricevuto a palazzo comunale per il saluto istituzionale del sindaco Simone Pugnaloni, della giunta e del presidente del Consiglio comunale. Presenti all’incontro il sostituto commissario Agnese Marinelli, il neo comandante della Polizia locale di Osimo Daniele Buscarini e il presidente del Coni Marche Fabio Luna.«Al neo dirigente del Commissariato di Ps ho rivolto un caloroso saluto di benvenuto a nome della città di Osimo, unitamente ad un sincero e sentito augurio di buon lavoro per l’importante incarico di cui è stato investito. – scrive sui social media il sindaco Simone Pugnaloni – Un messaggio di benvenuto a cui ha fatto seguito quello del Questore di Ancona Pallini, insediatosi nel capoluogo dorico lo scorso 24 febbraio e anch’egli alla sua prima visita istituzionale presso il Comune di Osimo». «Seppur partendo da punti diversi – ha detto il questore Pallini – siamo tutti chiamati a lavorare per un unico obiettivo, la tranquillità e la sicurezza dei cittadini».

Il commissario capo Stefano Bortone nel suo ufficio

«Avevo già visitato Ancona ma non Osimo e sono rimasto colpito dalla bellezza del centro storico e delle colline circostanti» ha commentato Stefano Bortone che in questi giorni oltre ad incontrarsi con i vertici delle altre forze dell’ordine per ultimare il giro dei saluti istituzionali, approfondirà la conoscenza del territorio. «Confrontandomi con il sindaco ho ribadito ‘impegno per un proficuo e capillare controllo del territorio in collaborazione con tutte le forze di polizia – ha spiegato – con una particolare attenzione a quelli che sono i reati predatori, come i furti, che creano allarme sociale. Confido anche nella collaborazione con i cittadini che per qualsiasi problema potranno rivolgersi ai nostri uffici dove saranno sempre ascoltati». Il commissario capo Bortone ha una lunga esperienza anche di insegnamento e lezioni  sulla legalità nelle scuole su temi sensibili per i giovani come quelli del cyberbullismo, della violenza di genere e del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. «Sono intenzionato a proseguire in questo dialogo con i giovani per sensibilizzarli su tematiche così importanti per la loro crescita – ha confermato – e in questo momento storico legato alla emergenza sanitaria che potrebbe tradursi in situazioni di crisi economica e difficoltà sociali, il Commissiariato controllerà e vigilerà sull’ordine e sicurezza pubblica»

(ultimo aggiornamento alle ore 17.30)

Il questore di Ancona Pallini con il sindaco Pugnaloni

Il vice questore Todaro saluta Osimo: nell’ultimo biennio reati in calo (-20%)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X