facebook rss

Colto da arresto cardiaco in strada,
74enne in Rianimazione

ROSORA – Il malore si è manifestato verso le 9, nella frazione di Angeli, di fronte ad un alimentari
Print Friendly, PDF & Email

I mezzi di soccorso del 118 (foto d’archivio)

 

Un malore improvviso lo ha colto mentre stava passeggiando, per fortuna è successo di fronte a un esercizio commerciale e alcuni presenti sono tempestivamente intervenuti per aiutarlo. Attimi di concitazione questa mattina verso le 9 nella piccola frazione di Angeli di Rosora, dove un uomo di 74 anni, cardiopatico, è stato colto da arresto cardiaco in strada. L’uomo è stramazzato a terra privo di sensi. Stava per andare in un alimentari del paese, alcuni presenti si sono precipitati fuori dall’esercizio e lo hanno soccorso, allertando il 118. Sul posto l’automedica del 118 di Jesi con l’ambulanza. Il poveretto, stabilizzato sul posto, è stato trasferito in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi, dove al termine degli accertamenti sanitari del caso, è stato ricoverato nel reparto di Rianimazione. Le sue condizioni sono molto gravi.
E’ il terzo arresto cardiaco che si verifica in pochi giorni in Vallesina. Martedì sera un 45enne di Moie, di professione tecnico informatico presso un istituto scolastico del territorio, era stramazzato al suolo colto da malore mentre stava giocando a tennis. Fondamentale, per salvargli la vita, l’intervento tempestivo dei compagni di gioco e dei presenti che hanno utilizzato un defibrillatore in dotazione alla struttura sportiva, poi le manovre rianimatorie praticate dall’equipe medica dell’automedica del 118 di Jesi che dopo essere riuscita a ristabilire i parametri vitali a un livello ottimale, lo hanno portato d’urgenza al pronto soccorso di Torrette. Ricoverato in Rianimazione a Torrette, le sue condizioni sono state costantemente monitorate. Ieri si è risvegliato dal coma farmacologico in cui versava, sembra che non vi siano danni cerebrali e che il quadro clinico, per fortuna, sia stabile. Ieri è stato trasferito in terapia subintensiva. Presto potrà essere dimesso e riabbracciare la sua famiglia.
ta.fre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X