facebook rss

Morta a 106 anni Adele Coppetta,
la donna più anziana di Osimo

LUTTO - Si è spenta oggi pomeriggio la cuoca centenaria che aveva vissuto due Guerre Mondiali superando indenne gli anni della pandemia influenzale della Spagnola e del Covid 19. Mercoledì i funerali nella chiesa della Sacra Famiglia
Print Friendly, PDF & Email

Adele Coppetta, vedova Egidi

 

 

Se è andata oggi pomeriggio, in punta di piedi e alla veneranda età di 106 anni Adele Coppetta Egidi, la donna più anziana di Osimo e tra le più longeve delle Marche. Otto mesi fa,  per festeggiare il suo compleanno nella casa di riposo Bambozzi che negli ultimi anni l’ha ospitata, aveva celebrato la messa l’arcivescovo metropolita di Ancona-Osimo, mons. Angelo Spina. Adele era nata a Montefano, il 24 novembre del 1913 ma si era trasferita ad Osimo con i suoi quattro figli nel 1960, quando a 46 anni era rimasta vedova. Una vita fatta di gioie e dolori, quella della nonnina dei record che ha vissuto due Guerre Mondiali, superando indenne anche gli anni della pandemia influenzale della Spagnola e del Covid 19. Adele si è spesa molto per i suoi figli e come madre ha anche attraversato la sofferenza di averne persi due prematuramente. Aveva lavorato come cuoca al Convento dei Servi di Maria di Montefano, poi per molti anni al Collegio Campana di Osimo. Una donna di profonda fede religiosa, generosa e sempre pronta a dedicare il suo tempo libero in parrocchia. In età ormai avanzata era anche riuscita a realizzare il suo sogno di visitare la Terra Santa e la capitale della Francia, Parigi. La salma è stata composta nella casa funeraria Biondi di via Oscar Romero a San Biagio di Osimo, aperta alle visite dalle ore 9 di domani mattina. Il funerale si svolgerà mercoledì 15 luglio alle ore 10, nella chiesa della Sacra Famiglia di Osimo. Poi si procederà per la sepoltura al Cimitero Maggiore. Adele Coppetta lascia i figli padre Giuseppe e Maria, la nuora Silvia, i nipoti e pronipoti.

Compie 106 anni la nonnina più longeva di Osimo: grande festa per Adele alla ‘Bambozzi’

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X