facebook rss

Stop a spettacoli e cinema:
più di cento artisti protestano ad Ancona

I LAVORATORI dello spettacolo delle Marche, venerdì dalle 10,30 alle 13 osservando le regole anticontagio, manifesteranno in piazza del Papa con il sostegno di Cgil Slc, Cisl Fistel e Uil Uilcom, per chiedere un intervento urgente sul settore penalizzato dalll'ultimo Dpcm. Chiederanno alla Regione un tavolo permanente per aggiornare la legge sullo spettacolo ferma al 2009 e individuare forme di sostegno alle realtà strutturate
Print Friendly, PDF & Email

La prefettura di Ancona (foto d’archivio)

 

 

Tecnici di scena, operatori dei service, coreografi, registi, danzatrici, professori d’orchestra, cantanti e attori, saranno oltre un centinaio le lavoratrici ed i lavoratori dello spettacolo delle Marche, che venerdì 30 ottobre dalle 10,30 alle 13 osservando le regole anticontagio, manifesteranno ad Ancona in piazza del Plebiscito, per chiedere un intervento urgente sul settore. La manifestazione sarà in contemporanea nazionale insieme a tutte le altre regioni, stesso giorno, stessa ora, per unire in unico momento tutto il paese.

«L’emergenza Covid-19 ha evidenziato la debolezza strutturale dell’intero settore, da anni interessato da un inesorabile processo di precarizzazione, i cui esiti porteranno ad una perdita di professionalità e posti di lavoro. – sottolineano le organizzazioni sindacali Cgil Slc, Cisl Fistel e Uil Uilcom che promuovono con i lavoratori dello spettacolo la manifestazione – Per questo si chiede d’ intervenire sia a livello nazionale sia regionale. Nelle Marche si contano circa 6000 addetti che, per la maggior parte, sono precari. Le richieste, a livello nazionale, riguardano la necessità di una riforma complessiva che porti ad un reddito di continuità, diritti e tutele universali, come la malattia e la maternità spesso inesistenti. A livello regionale, si chiede di affrontare l’emergenza ma soprattutto di guardare al futuro ed ottenere interventi strutturali come l’aggiornamento della legge regionale sullo spettacolo ferma al 2009, costituire un tavolo permanente con i rappresentanti sindacali e degli artisti, individuare forme di sostegno alle realtà strutturate (Form, Marche Teatro, ecc.) ma anche a quel tessuto di compagnie e singoli artisti, fuori dal Fus (fondo unico dello spettacolo), censire ed assegnare gratuitamente gli spazi per tecnici e artisti. Inoltre, si chiede di sostenere e valorizzare gli artisti marchigiani e individuare forme di sostegno con borse di ricerca».

Le organizzazioni sindacali sollecitano, infine, «un ripensamento delle forme di sostegno alla cultura, soprattutto in funzione del miglioramento della qualità del lavoro: nessun progetto culturale è credibile se è basato su condizioni economiche e normative che producono concorrenza sleale, se non prevede risorse economiche sufficienti a sostenere e rendere stabile il lavoro degli operatori. I lavoratori dello spettacolo rappresentano una ricchezza difficilmente sostituibile e, senza questo cambio di direzione, giungeremo alla desertificazione professionale e al conseguente calo di qualità delle produzioni. Un implicito invito ai nostri giovani a lasciare la nostra regione e il nostro paese» chiude la nota di Cgil Slc, Cisl Fistel e Uil Uilcom.

Lo sfogo del maestro Gianluca Luisi: «Chiese sicure, teatri luoghi di contagio» A piazza del Papa la protesta degli artisti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X