facebook rss

Dpcm, le misure in vigore da venerdì
Marche tra le ‘zone gialle’

IL TESTO IN PDF del nuovo decreto presentato questa sera dal premier Conte. Marche confermate in zona gialla
Print Friendly, PDF & Email

giuseppe-conte

Giuseppe Conte questa sera in conferenza stampa

 

«I numeri complessivi sono in costante aumento e per questo dobbiamo intervenire. La media nazione dell’indice di trasmissibilità è di 1,7. Rispetto alle persone contagiate sale il numero degli asintomatici, diminuisce in percentuale il numero di persone ricoverate ma c’è l’alta probabilità che molte regioni superino le soglie delle terapie intensive e mediche». Con queste parole il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha iniziato questa sera la presentazione a Palazzo Chigi delle norme contenute nel nuovo Dpcm, che sarà in vigore dal 6 novembre (e non più dal 5 novembre) e fino al 3 dicembre.

E annuncia quali regioni vengono inserite nelle varie fasce di rischio: Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta rientrano nelle zone rosse (ad alto rischio), Puglia e Sicilia vengono inserite in quella arancione (intermedio) e tutte le altre – comprese dunque le Marche –  in quella gialla (più sicure). “Se introducessimo misure uniche in tutta Italia produrremmo un duplice effetto negativo, non adottare misure veramente efficaci dove c’è maggior rischio e imporremo misure irragionevolmente restrittive dove la situazione è meno grave”, ha spiegato Conte. Inizialmente le zone di rischio erano indicate con verde, gialla e rossa ma i “colori” sono stati modificati per far capire che non esistono Regioni fuori pericolo.

Slitta dunque di un giorno, a venerdì, l’entrata in vigore del Dpcm, compreso il coprifuoco nazionale. Le misure sono quelle indicate nella bozza pubblicata questa mattina (leggi l’articolo), qui sotto il testo ufficiale:

 

Schermata-2020-11-04-alle-20.39.07-650x389

Clicca sull’immagine per leggere il Dpcm

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X