facebook rss

La figlia di Melania Rea
ha preso il cognome della madre

NAPOLI - Adesso si chiama Vittoria Rea la bambina che aveva solo 18 mesi nel 2011, quando ha perso la mamma, brutalmente uccisa a Ripe di Civitella per mano del padre. Dopo tre gradi di giudizio, Salvatore Parolisi è stato condannato a 20 anni di carcere. All'epoca dei fatti la famiglia viveva a Folignano
Print Friendly, PDF & Email

 

Melania Rea

Vittoria, la figlia di Melania Rea, aveva 18 mesi il 9 aprile del 2011, quando la madre fu brutalmente uccisa a Ripe di Civitella. Probabilmente era sul seggiolone dell’auto accanto alla quale si consumava l’atroce delitto.

In carcere con la grave accusa – confermata da tre gradi di giudizio – di aver ucciso la moglie con 35 coltellate, il padre di Vittoria, Salvatore Parolisi, militare nella Caserma “Clementi” di Ascoli.

La famiglia, originaria di Somma Vesuviana (Napoli), viveva a Folignano. 

Oggi, 25 novembre, proprio nella “Giornata della lotta alla violenza sulle donne”, un altro giudice ha accolto la richiesta della piccola che in poco tempo si è ritrovata senza mamma e senza padre. Ora si chiama infatti Vittoria Rea.

Salvatore Parolisi

Ha voluto il cognome della madre e, lasciando quello del padre, andare incontro al futuro libera di quel pesante fardello.

La notizia è stata diffusa dal giornalista Gian Pietro Fiore sulla sua pagina Facebook.

Espulso dall’esercito nel 2016, Parolisi l’anno dopo ha perso anche la patria potestà della figlia, affidata ai nonni materni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X