facebook rss

Molesta una donna,
poi le dà una testata sul naso:
58enne a processo

ANCONA - Dovrà difendersi dai reati di violenza sessuale, violenza privata e lesioni personali per l'episodio avvenuto nel febbraio 2018. Vittima, una 45enne che aveva riportato la frattura del setto nasale
Print Friendly, PDF & Email

La facciata del tribunale, lato corso Mazzini

 

Palpeggia una donna e lei reagisce con uno schiaffo. Il molestatore si ‘vendica’ e le rifila una testata sul naso. Sono le contestazioni che la procura muove nei confronti di un 58enne tunisino residente a Falconara. Ieri, è stato rinviato a giudizio con le accuse di violenza sessuale, violenza privata e lesioni personali. La vittima, una 45enne, si è costituita parte civile con l’avvocato Marco Subiaco. L’imputato è difeso dal legale Fabrizio Belfiore. Il processo inizierà il 2 marzo del 2023. I fatti contestati sono avvenuti il 18 febbraio 2018, nel bar sulla Flaminia dove la donna stava trascorrendo la serata con le sue amiche. All’improvviso – stando a quanto sostenuto dall’accusa – sarebbe stata agganciata dal tunisino, prima cone avances verbali, poi fisiche. A un certo punto, il locale si sarebbe svuotato. All’interno erano rimasti solo il barista, la 45enne e il tunisino. Quest’ultimo non avrebbe mollato la presa fino a che lei, esasperata dalle moleste, non lo aveva colpito con uno schiaffo sul volto. La reazione di lui, stando alla procura? Una testa sul naso. Così forte da fratturare il setto nasale della 45enne. Nonostante il copioso sanguinamento e l’aiuto portato dal barista, il 58enne avrebbe comunque continuato a tentare un approccio intimo con la donna. Sotto choc, lei era corsa fuori dal locale per salire in auto. L’imputato le si sarebbe parato davanti per impedirle di ingranare la marcia. La vittima, alla fine, si era divincolata con la retromarcia, rifugiandosi alla caserma dei carabinieri di Falconara. Era stata poi portata al pronto soccorso di Torrette per la lesione al naso: trenta giorni di prognosi. L’imputato rigetta le accuse legate agli abusi.

(fe.ser)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X