facebook rss

All’ex Muzio Gallo un centro per anziani
e per la disabilità intellettiva

OSIMO - La proposta di allargare il ventaglio dei servizi da gestire nel vecchio ospedale di Villa è emersa stamattina durante il confronto tra il sindaco Simone Pugnaloni ed i tre presidenti delle case di riposo cittadine Fabio Cecconi, Laura Cionco e Jacopo Bellaspiga. Apertura all'Asur e all'Inrca
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Riqualificazione dell’ex ospedale Muzio Gallo di Osimo, il sindaco Simone Pugnaloni ha definito «costruttivo e concreto» il primo incontro con i tre presidente delle case di riposo. Fabio Cecconi per il ‘Grimani Buttari’, Laura Cionco per il ‘Bambozzi’, Jacopo Bellaspiga per la fondazione ‘Recanatesi’, convocati per questa mattina a palazzo comunale, hanno concordato con il primo cittadino il percorso di unita di intenti «verso la nascita di un unico sodalizio con personalità giuridica autonoma – ha specificato Pugnaloni – che possa ridonare vita all’ex struttura ospedaliera di Villa. Tra i primi due impegni presi verso la prossima riunione, c’è quello di coinvolgere subito l’Inrca e l’Asur, e quello di valutare di unire alla cura dell’anziano un progetto sulla disabilita’ intellettiva. Si potrebbe pensare a un centro per il disagio senza vincoli e limiti di età, con assistenza dedicata relativa a tutte quelle attività che possono essere accreditate presso il servizio Salute della Regione Marche». La macchina si è messa in moto, insomma, e il sindaco garantisce che «l’Amministrazione comunale, planimetria alla mano, incomincerà ad elaborare uno studio di fattibilita’ sulla struttura da realizzare». Un’ala dell’ex sanatorio era stata in parte già costruita anche se da anni versa nell’incuria e nel degrado.

Ex Muzio Gallo, viaggio nel degrado: «Il nostro progetto di recupero spazzerà via trent’anni di incuria»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X