facebook rss

Falesia del Conero, l’aula consiliare
blocca l’ampliamento
degli immobili esistenti

SIROLO - In attesa del varo del nuovo Piano regolatore, nell'ultimo Consiglio comunale è stata approvata la proposta della maggioranza di impedire le costruzioni nelle aree verdi collocate in aree sensibili dal punto di vista ambientale, paesistico, geologico, geomorfologico e idrogeologico
Print Friendly, PDF & Email

 

 

L’amministrazione comunale di Sirolo al lavoro per impedire le colate di cemento sopra la falesia delle spiagge di Sirolo. Nel corso dell’ultimo consiglio comunale del 24 febbraio – fa sapere una nota del Comune di Sirolo- l’amministrazione Moschella ha proposto e approvato una variante normativa all’art. 63, punto e), delle norme tecniche di attuazione al piano regolatore, ai sensi della Legge Regionale n.34/92, con la quale si impedisce l’ampliamento del 20% dei volumi preesistenti nelle aree verdi a servizio dell’edificato ubicate nella delicata zona scoscesa nei pressi di Via San Michele e fino a Piazza Enriquez e Via San Francesco. La proposta è passata all’unanimità, nonostante l’assenza dei 3 consiglieri di minoranza Buglioni, Misiti e Marinelli.

Per il sindaco Moschella «questa è la migliore risposta, in attesa dell’innovativa variante al piano regolatore attualmente allo studio, nei confronti di chi pensa di realizzare colate di cemento nelle zone sensibili di Sirolo o ha dubbi sull’anima verde dell’attuale amministrazione.- sottolinea il primo cittadino nella nota – Coi fatti abbiamo rispettato il mandato degli elettori e risposto anche a chi, dopo quasi 20 anni dall’adozione del piano regolatore del 2002, si lamenta in merito alla costruzione, negli anni scorsi, di due ville in zona Croce Azzurra in aree verdi a servizio dell’edificato, quando governavano altre amministrazioni. In particolare, ritengo imbarazzante la posizione del coordinatore del partito socialista, considerato che Sirolo, dal 1999 al 2009, è stata amministrata prima da un sindaco dichiaratamente socialista e poi dal figlio del medesimo, proprio negli anni in cui lo stesso coordinatore era all’opposizione. Insomma maggioranza familiare e minoranza socialista rappresentata dal Claudio Mazzoni, che negli articoli di stampa ricorda bene fatti successi tanti anni fa, ma omette di aver appoggiato alle ultime elezioni amministrative del 2019 la lista di Fabia Buglioni, assente per motivi di lavoro proprio nell’ultimo e fondamentale consiglio comunale, nel momento in cui era necessario difendere il territorio verde sirolese». Dopo quasi 20 anni, insomma, sono state impedite le costruzioni nelle aree verdi collocate in aree sensibili dal punto di vista ambientale, paesistico, geologico, geomorfologico e idrogeologico, «archiviando contemporaneamente la pratica edilizia di un privato che rappresenta un vecchio scheletro nell’armadio lasciato dalla precedente amministrazione dal 2016» chiude la nota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X