facebook rss

Spostamento fontana dei leoni:
depositata la petizione
contro l’accettazione del lascito Morosetti

JESI – L’ha protocollata il Comitato referendario ‘Piazzalibera' che sollecita un ripensamento all'Amministrazione comunale. C’è attesa per la sentenza del Tar Marche
Print Friendly, PDF & Email

Piazza Federico II senza fontana dei leoni e obelisco

 

 

Spostamento della fontana dei leoni di Jesi: alla vigilia della pronunciamento del Tar Marche sul referendum, depositata la petizione popolare di ‘Piazzalibera’ che chiede un dietrofront al Comune sul lascito Morosetti. L’Amministrazione comunale di Jesi comunica infatti che è pervenuta all’Ufficio Protocollo una petizione popolare, prima firmataria Antonella Nicoletti e corredata da 1279 firme, contenente la richiesta al sindaco “di non accettare il lascito Morosetti, lasciando dunque la fontana dei leoni in piazza Federico II e donando tutto alle associazioni di volontariato (“Lega del Filo d’Oro” di Osimo, “Fondazione Opera San Francesco per i poveri” di Milano, associazione “Del pane quotidiano” di Milano”)”. «Gli uffici stanno ora provvedendo all’attività istruttoria secondo quanto previsto dallo Statuto e dal Regolamento sugli istituti di partecipazione e consultazione dei cittadini» precisa l’ente locale. Per la precisione il Comitato ‘Piazzalibera’ ha depositato venerdì scorso le firme raccolte per la petizione contro l’accettazione del lascito Morosetti. «Il Comitato Referendario ringrazia tutti i sottoscrittori – scrive in un post sui social media – ed anche coloro che, non potendo materialmente sottoscrivere la petizione, hanno espresso vicinanza alla causa». Intanto i lavori del cantiere di piazza Federico II proseguono spediti e anche l’obelisco annesso alla fontana dei leoni è già stato smontato. Domani sulla spinosa questione del referendum dovrebbe entrare nel merito anche il Tar Marche dopo il rigetto della richiesta di sospensiva avanzata  dal ricorso da ‘Piazzalibera’ che contesta la scelta dell’Amministrazione comunale di non consultare la città prima di avviare l’operazione di trasloco dei monumenti da portare a termine entro il mese di luglio 2021 secondo le ultime volontà dell’artista benefattore. Nell’udienza della scorso mese di aprile i giudici amministrativi avevano però ritenuto che «non sussista allo stato il pregiudizio atto a giustificare la concessione dell’invocata cautela» fissando il giudizio al 12 maggio.

Trasferimento fontana dei leoni: «La stanno demolendo e ricostruendo»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X