facebook rss

Il dottor Giorgio Senesi va in pensione:
«Continuerò a vaccinare contro il Covid»

MAIOLATI SPONTINI - Il medico di assistenza primaria di Moie, lascerà il camice dopo 37 anni di servizio. Non mancherà il suo apporto al centro straordinario di vaccinazione della Media Vallesina
Print Friendly, PDF & Email

Il dottor Senesi con il sindaco Consoli

 

«La comunità di Maiolati Spontini esprime al dottor Giorgio Senesi profonda stima e gratitudine per i suoi 37 anni di servizio nella cittadina di Moie come medico di medicina generale. È stato un punto di riferimento per tutti coloro che, nel corso del tempo, si sono potuti affidare alla sua professionalità e competenza. Il suo approccio verso le persone che ha avuto in cura è stato caratterizzato da sincerità e schiettezza, unite a sensibilità e attenzione verso gli altri, lasciando un segno profondo nei pazienti e nelle pazienti che ha incontrato nell’esercizio della sua professione. Il doloroso e complesso periodo della pandemia ne ha messo ulteriormente in evidenza la grande umanità e la passione per la persona e per la scienza medica». È il testo della pergamena che il sindaco Tiziano Consoli, a nome di tutta l’Amministrazione comunale, ha consegnato questa mattina al dottor Giorgio Senesi, nell’ultimo giorno in cui ha prestato servizio nello studio di via Risorgimento, a Moie.
Con il primo giugno, infatti, Senesi conclude il rapporto convenzionale di medico di assistenza primaria nel comune di Maiolati Spontini, del distretto di Jesi. Il 27 aprile scorso lo ha comunicato al sindaco la dottoressa Marinella Cardinaletti, Direttore della Struttura Complessa “UOC Direzione amministrativa territoriale e medicina convenzionata” dell’Area vasta 2. Senesi ha esercitato nello studio di via Risorgimento, a Moie, dal 15 dicembre 1984. Si è laureato all’università di Bologna quaranta anni fa e nel 1984 si è specializzato in medicina dello sport all’università di Chieti. Dal 1981 al 1985 è stato guardia medica titolare nel distretto di San Marcello, Monsano e Morro d’Alba e poi anche a Moie, Cingoli e Filottrano. Per alcuni anni ha avuto un ambulatorio anche a Pianello, agli inizi della professione. È stato per dieci anni medico sociale dell’Aurora Basket dal 2000 al 2010 quando era in serie A2 e A1. Il dottor Senesi, nel ricevere la pergamena dal sindaco, ha ringraziato la comunità di Maiolati Spontini e ciascuno dei suoi colleghi e colleghe «con i quali ho instaurato un rapporto di collaborazione e di stima reciproca. Auguro un buon lavoro ai più giovani che si apprestano a questa professione e li incoraggio ad essere medici delle persone e dei territori, dove è più facile costruire relazioni di fiducia e di amicizia. È vero che la professione sta cambiando e serve sempre di più l’equipe, ma nelle piccole realtà la figura del medico di famiglia è un punto di riferimento per tutti, non solo per i suoi pazienti. In questo tempo della pandemia ho sentito tutto il peso della sofferenza della persone, ho lottato insieme ai miei pazienti malati per sconfiggere il Covid, li ho incoraggiati, li ho accompagnati verso le cure, mi sono confrontato con i colleghi delle Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) e degli ospedali che li seguivano. È stato un periodo di grande paura e stress. Ho sostenuto con convinzione e partecipato alle iniziative che abbiamo promosso con la nostra associazione e con gli altri medici di medicina generale della zona e che sono state sostenute dal comune di Maiolati Spontini, come la campagna di vaccinazione contro l’influenza stagionale e il centro per i tamponi rapidi antigenici. Ora ho iniziato a collaborare al centro straordinario di vaccinazione, promosso dall’equipe territoriale dei medici di famiglia della Media Vallesina, e reso possibile dalla collaborazione di tutti gli otto comuni del distretto di Moie. E anche da pensionato continuerò a dare il mio contributo ai colleghi, soprattutto, in questo momento, per le vaccinazioni. Poi prenderò un po’ di tempo per tornare a viaggiare, per andare a ritrovare gli amici, per il mare e la montagna e per stare con la mia famiglia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X