facebook rss

Premio nazionale “Bimboil”,
tra i vincitori gli scolari di Moie

MAIOLATI SPONTINI - Le classi terza A e terza C della scuola primaria 'Martin Luther King' sono arrivate quarte al concorso nazionale. Le congratulazioni del sindaco Tiziano Consoli
Print Friendly, PDF & Email

 

Il sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli e il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Carlo Urbani Vincenzo Moretti hanno premiato, venerdì scorso 4 giugno, le classi terza A e terza C della scuola primaria ‘Martin Luther King’ di Moie per essere arrivate quarte, a livello nazionale, al concorso “Bimboil”, promosso dall’associazione Città dell’olio.  Il sindaco Consoli si è complimentato con gli studenti per l’impegno messo in campo e per l’originalità dell’elaborato premiato, inoltre ha ricordato l’importanza, per il Comune, di essere membro dell’associazione nazionale Città dell’olio, nella quale è rappresentato, in qualità di consigliere, dal vicesindaco Mario Pastori. «Una rete, quella delle Città dell’olio, che valorizza – ha ricordato Consoli in una nota – uno dei prodotti simbolo del territorio. Il concorso Bimboil, che ha coinvolto tanti studenti della Primaria, va nella direzione della promozione di questa eccellenza, che a Maiolati Spontini vanta un presidio importante come la Casa dell’olio e della biodiversità, con i progetti ad essa collegati».

Il dirigente Moretti ha osservato come «il progetto Bimboil porta da oltre 10 anni nelle scuole l’importanza di una corretta educazione alimentare e, quest’anno, gli alunni hanno potuto apprendere la conoscenza dell’olio attraverso il gioco: rebus, indovinelli e cruciverba. In questo anno così difficile è stato un’occasione di divertimento, e forse proprio l’aspetto ludico ha permesso di elaborare dei lavori così originali. Complimenti quindi agli alunni che hanno vissuto con creatività e fantasia un tema così importante e alle insegnanti che hanno guidato le classi». «Sono stati 43 gli alunni impegnati nel concorso – spiega l’insegnante referente del progetto Marta Zerbini –. Il lavoro è iniziato lo scorso anno scolastico con la visita di un frantoio locale, con lo studio della pianta dell’ulivo e le varie fasi di trasformazione dell’oliva in olio e concluso quest’anno con l’invenzione di giochi enigmistici sul tema olio, così come richiedeva il bando del concorso. Dopo un brainstorming, abbiamo deciso di lavorare sui proverbi e modi di dire che ruotano attorno al mondo dell’olio, con particolare attenzione alle varie differenzazioni regionali. Tutti gli alunni si sono divertiti a chiedere ai propri familiari e a cercare in rete informazioni utili per l’invenzione dei giochi. Inoltre hanno cercato di coinvolgere il maggior numero di persone possibile per far votare on-line il loro elaborato che, con gran sorpresa, hanno scoperto essere arrivato quarto a livello nazionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X