facebook rss

Settore giovanile, il Matelica
trova l’accordo con la Junior Ancona

CALCIO - I biancorossi iniziano la collaborazione con il club dorico. Il responsabile Alberto Virgili: «Si tratta del primo stipulato con una società fuori dalla nostra provincia, ma comunque parte del nostro progetto territoriale»
Print Friendly, PDF & Email

1C5101F6-A415-4F7E-80E4-12A1F27D7B0B-325x247

Da sinistra: Alberto Virgili, Roberta Nocelli, Mauro Canil, Stefano Pizzi, Pietro Medini e Claudio Bellavigna

 

Il Matelica stringe un accordo di collaborazione per lo sviluppo del settore giovanile con la società Junior Calcio Ancona, club di puro vivaio presieduto da Susanna Mari, diretto da Pietro Medini, rappresentato dal responsabile Stefano Pizzi e con l’ausilio del consulente Glauco Bellavigna. L’accordo nasce da un’iniziativa di Bellavigna, fortemente convinto che l’impianto sportivo federale Paolinelli, che la Junior Calcio Ancona ha in gestione, meriti il risalto di una società professionistica. Il progetto si svilupperà in diversi punti: visite periodiche dei responsabili del Matelica alle strutture, partecipazione a cadenza mensile dei ragazzi agli allenamenti e agli eventi organizzati dal Matelica e tanto altro ancora. I rappresentanti della Junior Calcio Ancona tengono fortemente a ringraziare il patron Mauro Canil, la presidentessa Roberta Nocelli, il direttore tecnico del settore giovanile biancorosso Alberto Virgili ed il commercialista Fabio Berrè, che per primo ha favorito l’incontro tra le due realtà. «Un accordo – ha dichiarato Virgili – per noi molto importante. Si tratta del primo stipulato con una società fuori dalla nostra provincia, ma comunque parte del nostro progetto territoriale. Una realtà piccola come numeri, ma dal grande potenziale di crescita e dotata di strutture e di una serie di parametri molto positivi in ottica futura». L’accordo fra i biancorossi e la Junior Calcio Ancona non preclude la realizzazione del più ampio e ambizioso progetto provinciale che il Matelica sta portando avanti insieme all’amministrazione comunale di Macerata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X