facebook rss

Recupero farmaci,
raccolte oltre 12mila scatole

ANCONA - L'esito del progetto sperimentale avviato nel 2018 dal Comune
Print Friendly, PDF & Email

L’interno di una farmacia in una foto d’archivio

 

Sono ben al di sopra delle aspettative i risultati del progetto sperimentale di Recupero dei Farmaci Validi (RFV) avviato nel novembre 2018, che ha portato al recupero di un gran numero di medicine donate dai cittadini nelle farmacie aderenti. Promosso ed attuato dal Comune di Ancona nel territorio provinciale insieme al Banco Farmaceutico Nazionale O.N.L.U.S. per ridurre lo spreco di un bene così prezioso come il farmaco e per sostenere gli enti assistenziali del terzo settore che operano nel territorio, il progetto è stato reso possibile grazie al supporto di Banca Intesa Sanpaolo, dell’Ordine dei Farmacisti di Ancona, del Rotary Club Ancona Conero. Nella fase iniziale l’attività di recupero è stata avviato in otto farmacie del Comune di Ancona ed una farmacia del Comune di Falconara Marittima; a partire dal 2020 il progetto è stato esteso alla farmacia presente nel comune di Camerano. Nonostante la grave situazione di pandemia che ha coinvolto pesantemente anche il nostro paese e la nostra città, la sensibilità dei cittadini, la disponibilità delle farmacie coinvolte e la dedizione dei volontari del Banco e degli enti beneficiari hanno reso possibile ottenere importanti risultati. Tra questi, la raccolta di oltre 12mila scatole di farmaci per un valore complessivo di circa 18mila euro. I farmaci sono stati donati agli enti che nel territorio di Ancona e provincia si occupano di soggetti con problematiche socio-sanitarie e che talora non sono in grado di sostenere la spesa per le cure.  «Il progetto- sottolinea con soddisfazione l’assessore alle Politiche sociali Emma Capogrossi- prosegue senza interruzioni, perciò si invitano i cittadini a continuare a sostenerlo, nella consapevolezza che i farmaci vengono messi a disposizione di persone che ne hanno bisogno e fanno fatica a sostenere questo tipo di spesa. In un periodo in cui a causa della pandemia sono aumentate le persone e le famiglie in condizione di disagio socio economico anche questo supporto diventa davvero indispensabile».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X