facebook rss

«Il Comune non intende chiudere
il campetto delle Faiani»

ANCONA - Rassicura tutti l'assessore Stefano Foresi che invita però «i cittadini, interessati alla cura, al decoro, e anche alla vita del centro» a collaborare «per conciliare i bisogni di tutti»
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Stefano Foresi

 

 

«Il Comune di Ancona non intende chiudere il campetto di via Torrioni, riaperto tra l’altro qualche tempo fa dopo lo stop del Covid». A chiarirlo è l’assessore Stefano Foresi, che smentisce così la notizia secondo la quale l’Amministrazione comunale di Ancona avrebbe in progetto di smantellare questo spazio dedicato i ragazzi. «Al contrario – prosegue l’assessore – l’impegno è quello di trovare la migliore soluzione, che permetta di conciliare le attività dei bambini delle scuole Faiani e dei ragazzi del quartiere con le esigenze dei condomini, che sin dal giugno 2017 chiedono formalmente una modifica della destinazione d’uso per evitare attività troppo rumorose, richiesta che è giunta al Comune anche per il tramite della Prefettura. Ci confronteremo con i cittadini – prosegue l’assessore – come abbiamo sempre fatto, per trovare la migliore soluzione, a partire dalle condizioni attuali, che vedono ancora la presenza dei canestri. La cura della città rimane al centro del nostro progetto di governo e, dopo lo stop dovuto alla pandemia, stiamo lavorando per riportare quelle attività e quella vivacità di cui Ancona e i suoi abitanti hanno bisogno. Il campetto dunque, che fu creato anni fa proprio dal Comune grazie all’impegno della Prima Circoscrizione, resterà aperto come sempre, negli orari e nei tempi stabiliti e riportati nel cartello posto all’ingresso. Ai cittadini, che dimostrano meritevolmente di essere interessati alla cura, al decoro, e anche alla vita del centro di Ancona, che non può prescindere dalla presenza dei più giovani, chiedo la collaborazione necessaria per conciliare i bisogni di tutti. Collaborazione che vede ovviamente il Comune impegnato in prima linea».

 

«Ancona non è una città a misura di bambini»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X