facebook rss

Rivoluzione green,
installate due colonnine di ricarica
per la mobilità elettrica

CERRETO D'ESI - Il Comune le ha posizionate vicino alla stazione ferroviaria e nel parcheggio di via Battisti. Il sindaco Grillini: «E’ un primo step per un più ampio progetto per la realizzazione di una rete di ricarica elettrica da sviluppare con finanziamenti governativi»
Print Friendly, PDF & Email

La colonnina vicino alla stazione ferroviaria di Cerreto d’Esi

 

Svolta green per Cerreto d’Esi. Il Comune ha installato le prime colonnine per la ricarica delle auto elettriche, posizionandole vicino alla stazione ferroviaria e nel parcheggio di via Battisti. «Investire nelle colonnine elettriche, significa contribuire ad una significativa rivoluzione energetica per favorire una riduzione dei consumi e soprattutto per un impegno contro il cambiamento climatico a favore dell’utilizzo delle energie rinnovabili e quindi sostenere la mobilità ecocompatibile a basso impatto ambientale. – spiega il sindaco David Grillini – Il comune di Cerreto d’Esi in quest’ottica ha installato due colonnine nelle aree di sosta pubbliche, esattamente nei pressi della stazione ferroviaria e nel cosiddetto parcheggione di via Battisti. Sicuramente le auto elettriche non hanno ancora raggiunto quella diffusione necessaria, tuttavia è chiaro indirizzo politico del governo italiano, ma più largamente di tutti i governi europei, favorirne l’utilizzo e quindi le diffusione. Cerreto d’Esi con queste due colonnine vuol farsi trovare pronto e al passo con le innovazioni, fermo restando che si tratta di un primo step per un più ampio progetto per la realizzazione di una rete di ricarica elettrica da sviluppare con finanziamenti governativi».

La olonnina per la ricarica di auto elettriche al parcheggio di via Battisti

Per il momento le colonnine funzioneranno gratuitamente, in seguito verrà applicata una tariffa in linea con le ricariche che si possono effettuare altrove, prevedendo utilizzo e pagamento tramite apposita app.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X