facebook rss

Picchiò la madre per i soldi:
27enne finisce in carcere

ANCONA - Il Gip ha sostituito la misura cautelare del divieto di avvicinamento con quella più afflittiva della custodia in carcere che è stata eseguita dalla polizia
Print Friendly, PDF & Email

Le Volanti della polizia in via Macerata (Archivio)

E’ stata disposta la custodia cautelare in carcere per il 27enne anconetano che era stato indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia e già sottoposto, dal 23 marzo scorso, alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla madre e all’amministratore di sostegno di lei.
I fatti risalgono a partire dal settembre del 2020 quando il ragazzo sembrava aver più volte maltrattato la donna, con la quale conviveva, picchiandola e spingendola fino a farla cadere a terra, insultandola e minacciandola, costringendola a una convivenza intollerabile e sottoponendola a continue vessazioni fisiche e morali.
Il primo aprile scorso, gli agenti delle Volanti arrestarono l’indagato, sorpreso mentre violava le prescrizioni che gli erano state imposte, e che gli vietavano di avvicinarsi alla madre. Alla vista dei poliziotti, il ragazzo cercò di nascondersi ma venne subito individuato.
Il giovane, che aveva cercato di fuggire, era infatti stato comunque trovato a una distanza di soli 350 metri dall’abitazione della madre, dove poco prima si era recato pretendendo dei soldi per poi spintonarla.
Il Gip del tribunale di Ancona ha dunque sostituito la misura cautelare del divieto di avvicinamento con quella più afflittiva della custodia in carcere che è stata eseguita dalla polizia. Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato accompagnato e rinchiuso nel carcere di Montacuto dove si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Nel primo trimestre del 2022 sono già 22 le persone denunciate dalla polizia dorica per il reato di maltrattamenti in famiglia e 7 quelle per atti persecutori.
Nello stesso periodo, il questore Cesare Capocasa ha emesso 7 ammonimenti nei confronti di persone che hanno adottato condotte di stalking, a seguito di istruttoria della Divisione Anticrimine della questura, costantemente impegnata nella prevenzione e tutela di condotte lesive delle cosiddette ‘fasce deboli’.

La madre ritira la pensione e il figlio vuole i soldi per la droga: arrestato un 27enne

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X