Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

«Teoria gender causa della denatalità»
Ciccioli ancora una volta nella bufera
«Parole dissennate, affronto gravissimo»

POLEMICA dopo le dichiarazioni del capogruppo di FdI in Regione. La deputata dem Irene Manzi: «Superficialità, irresponsabilità e una leggerezza che non si addicono ad un ruolo istituzionale». Serena Cavalletti (Sinistra Italiana): «Manca di rispetto a tutte quelle persone giovani dal lavoro povero e precario». Le segretaria regionale del Pd Chantal Bomprezzi: «Il suo pressapochismo è innanzitutto offensivo per tutti i marchigiani che abitano le aree interne»

candidati_Fratelli_dItalia-DSC_1044-Carlo_Ciccioli--325x217

Carlo Ciccioli

«Mancanza di rispetto». «Affronto gravissimo». «Dichiarazioni dissennate, senza senso». «Superficialità e pressapochismo». Continuano a far discutere le parole pronunciate ieri dal capogruppo di FdI Carlo Ciccioli in Consiglio regionale. Si stava discutendo del futuro delle scuole marchigiane, visto che con la nuova finanziaria è stato alzato a 900 il limite minino di studenti per mantenere l’indipendenza dell’istituto. Una mannaia che si potrebbe abbattere sulla nostra regione a partire dall’anno scolastico 2024-2025. Era stato il Pd a presentazione una mozione, poi bocciata, per impegnare la giunta Acquaroli ad attivarsi col governo per scongiurare le chiusure. «Il problema centrale – ha detto Ciccioli durante la discussione – è la denatalità e l’impoverimento dei territori, conseguenza della mancanza di giovani». Non solo perché per Ciccioli, se le cose stanno così, è anche a causa delle «ideologie prevalenti che vanno di moda, dal gender a tutto il resto», che «portano un impoverimento strutturale della società molto più grave di molti altri problemi, compreso quello della povertà».

IncontriDAutunno_RobertoDAlimonte_FF-10-325x217

Irene Manzi

Parole che come era prevedibile hanno fatto scoppiare la polemica.  «Sono false e dissennate – dice la deputata Pd Irene Manzi – le dichiarazioni con con cui il capogruppo di FdI in Consiglio Regionale delle Marche, Carlo Ciccioli ha affrontato temi delicati che riguardano il sistema d’istruzione: dire che la denatalità “è causata da idee come il gender” oppure parlare- come ha fatto in passato – di “sostituzioni etniche” indica superficialità, irresponsabilità e una leggerezza che non si addicono ad un ruolo istituzionale. Non si governa con l’ideologia ma affrontando i problemi dei cittadini e dando risposte concrete ai loro bisogni».

«Invece di abbandonarsi a considerazioni senza senso – aggiunge Manzi – dovrebbe spiegare perché la forza politica di cui fa parte ha deciso di tagliare con l’ultima legge di bilancio gli istituti scolastici. E dovrebbe spiegare anche perché ha votato contro la mozione del Pd che impegna la giunta ad attivarsi per impedire le chiusure delle scuole. Tutto il resto è solo armamentario ideologico utile per la peggior propaganda ma non per governare».

serena-cavalletti

Serena Cavalletti

Sull’argomento è intervenuta duramente anche Serena Cavalletti, coordinatrice provinciale di Sinistra Italiana. «E dire che parlavano di spopolamento dell’entroterra e dimensionamento scolastico – aggiunge – il nostro entroterra, quello tellurico, irrisolto, predato, preda dalla strategia dell’abbandono. Mettere in relazione l’inesistente ideologia gender con la denatalità per la nostra provincia è un affronto gravissimo, vuol dire governare questa regione nella noncuranza delle reali problematiche e delle emergenti necessità della popolazione. In ambiente politico si dice: “Quando non si ha una soluzione si apre un tavolo”, a noi sembra che questa giunta non faccia neanche questo. Nessun risultato in quasi tre anni, nessun progetto concreto di rilancio delle nostre terre, ma teorie fantascientifiche: il gender. Ciccioli – continua – manca di rispetto a tutte quelle persone giovani dal lavoro povero e precario, a tutte le famiglie che assistono impotenti alla riduzione progressiva del proprio potere d’acquisto. Noi non vediamo pericoli nella modernità di pensiero, li vediamo nella totale mancanza di soluzioni politiche verso una povertà che cresce, assenza di welfare, lavoro povero e precario. Anche questa giunta, vista da qui, dall’entroterra, non ci fa dormire esattamente tranquilli.

chantale-bomprezzi

Chantal Bomprezzi

Anche la neo segreteria regionale del Pd Chantal Bomprezzi interviene criticando duramente le parole del capogruppo FdI. «La superficialità e il pressapochismo del consigliere Ciccioli sono innanzitutto offensivi per tutti i marchigiani che abitano le aree interne – dice – Il primo passo per risolvere un problema è capirne le vere cause e non ci si deve permettere di addurre fattori esclusivamente ideologici che non c’entrano nulla ad una questione così delicata e vitale per molti paesi della nostra regione». La segretaria dem condivide quindi quanto sottolineato da Micaela Vitri in Consiglio: «La riorganizzazione della rete scolastica, così come prevista nella Legge di Bilancio 2023, comporterà la chiusura dell’ennesimo servizio essenziale nei piccoli municipi, il più importante. Attorno alla scuola nasce e cresce la comunità, è immorale procedere al loro taglio per motivi puramente economici; la scuola non è una voce di spesa ma un investimento per il futuro del nostro territorio». Se il problema demografico, comune in tutt’Italia, colpisce indiscutibilmente i paesi meno popolati, secondo Bomprezzi non è certo dovuto ad una fantomatica diffusione del gender: «In Italia si fanno meno figli per altri motivi molto più reali e concreti. La denatalità è causata dai problemi economici che riguardano sempre più famiglie, dalle disuguaglianze sempre più marcate tra chi ha troppo e chi arriva a stento alla sopravvivenza, dalla precarietà del lavoro oggi sul mercato e dalla irrisolta disoccupazione femminile. La mancanza di assistenza e servizi per l’infanzia, che colpisce ovviamente le famiglie più fragili, fa il resto e completa il quadro. Troppo semplice e sbrigativo liquidare una questione così grave con un falso problema come ha fatto Ciccioli con la sua deprecabile uscita. No, caro consigliere, la vostra maggioranza deve risolverli questi problemi e non può né ignorarli né aggirarli».

«Scuole? Il problema è la denatalità causata da idee che vanno di moda come quella del gender»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X