facebook rss

Commerciante morto, Federcaccia:
“Aiutateci a rintracciare i familiari”

ANCONA - Andrea Spinelli, presidente dell'associazione dei cacciatori, lancia un appello dopo il decesso del loro socio, Franco Politi, titolare dell'Armeria Dorica di via Fiorini. Cerca i parenti per poter fare il funerale. L'amico Elio Allegretti: "Un uomo affettuoso"
venerdì 10 febbraio 2017 - Ore 20:16
Print Friendly, PDF & Email

L’armeria Dorica chiusa per lutto

 

di Agnese Carnevali

La Federcaccia di Ancona lancia l’appello per ricordare Franco Politi, il titolare dell’Armeria Dorica, morto mercoledì (leggi l’articolo) in ospedale. Il commerciante, 74 anni, alcuni giorni prima aveva accusato un malore nel suo negozio di via Fiorini, ad Ancona. I funerali dell’uomo, che da oltre vent’anni era il punto di riferimento ad Ancona per gli amanti della caccia e della pesca, non sono ancora stati fissati, in attesa di rintracciare i familiari. Politi non ha parenti stretti in città. Così gli amici della sezione anconetana di Federcaccia, della quale Franco Politi era tra i soci anziani, lanciano l’appello attraverso il loro presidente Andrea Spinelli. «La segreteria è a disposizione ogni mattina – afferma Spinelli – per quanti volessero dare informazioni che possano essere utili a ricordare degnamente il nostro amico Franco. Se ci fosse anche qualche familiare che volesse mettersi in contatto con noi, allo 071/7203855, può farlo. Sappiamo che Franco non aveva parenti in città, ma sono molte le persone che gli hanno voluto bene e che sono rimaste profondamente rattristate dalla notizia della sua scomparsa. Oggi sono state tantissime le telefonate che abbiamo ricevuto in segreteria – racconta Spinelli -. Franco era uno dei soci veterani della Federcaccia Ancona, non solo per l’attività che conduceva, ma anche perché era egli stesso un cacciatore. Il suo negozio di via Fiorini non era solo un punto vendita, l’ultima armeria rimasta ad Ancona, ma un vero punto di incontro e di discussione per gli amanti della caccia e della pesca. Ultimamente – ricorda ancora Spinelli – era un po’ fiaccato da problemi di salute, ma è sempre stata una persona molto scherzosa con la quale si stava bene in compagnia».

Il cartello per avvisare i clienti

Anche Elio Allegretti, suo vicinato di negozio, parla del signor Politi con grande affetto. «Da oltre vent’anni non c’era giorno che non passassi a salutarlo. È sempre stata una persona molto cordiale, anche se estremamente riservata. Dietro il suo bancone, lanciava sempre un saluto quando passavo davanti alla vetrina. Con gli amici del quartiere – continua – siamo costantemente in contatto per sapere se ci sono novità sui familiari e sul funerale. Non sappiamo nulla, nemmeno chi abbia le chiavi del negozio, dopo che si è sentito male ed i soccorsi lo hanno portato in ospedale. Vedo che ora, ogni sera, passa la vigilanza a controllare i locali. Spero rintraccino presto qualcuno dei suoi parenti. Era un uomo molto affettuoso, con la passione per la caccia, e per le corse con le auto, sport che aveva praticato un tempo. Prima di aprire il negozio aveva fatto il tecnico delle televisioni. Prima che morisse siamo stati in ospedale, ma non siamo potuti entrare a salutarlo perché non siamo familiari. Siamo tutti molto tristi».

Franco Politi si è spento mercoledì 8 febbraio, all’ospedale di Torrette, all’età di 74 anni, per le conseguenze di una crisi respiratoria che l’aveva colpito qualche giorno prima mentre era nel suo negozio di via Fiorini.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X