facebook rss

Video denuncia sull’indifferenziata,
Anconambiente: “Colpa dei cittadini”

ANCONA – L’azienda si difende da un filmato, fatto circolare sui social, che accusa i netturbini di svuotare i cassonettti della differenziata tutti insieme, senza separare l'immondizia. La società: “Il cassonetto della carta era stracolmo di rifiuti di ogni genere”
lunedì 20 marzo 2017 - Ore 17:05
Print Friendly, PDF & Email


Un video di due minuti, girato dalle finestre di un appartamento di via Astagno e diffuso su Facebook, accusa Anconambiente: «I rifiuti finiscono tutti nell’indifferenziata». Con buona pace degli sforzi fatti dai cittadini per dividere l’immondizia e i costi sopportati della Tassa rifiuti. Un filmato che ha fatto scalpore ed è diventato “virale” in poche ore, condiviso e visto da 50mila utenti. Una accusa grave per l’azienda, che non ci sta ad incassare in silenzio e replica: tutta colpa del mancato senso civico dei residenti.

«Siamo in presenza di un episodio dai toni forti – commenta Antonio Gitto, presidente di Anconambiente – che sta circolando in modo virale sulla rete e a mezzo stampa. Serve quindi far capire quanto accaduto». Lunga la nota dell’azienda per spiegare l’equivoco ripreso dal cittadino.

«Prima parcheggiano in mezzo alla strada, facendo saltare il servizio di raccolta differenziata – riporta una nota dell’azienda – poi mischiano tutti i rifiuti nei cassonetti, rendendo impossibile la divisione dell’immondizia per il riciclaggio. Per questo, il netturbino ha svuotato il bidone della carta nell’indifferenziata». Questa è la versione della società. «In merito al video che da due giorni sta circolando in rete tramite canale youtube – scrive l’azienda – oltre che su profili e gruppi Facebook Anconambiente prende fermamente posizione respingendo ogni accusa». Poi ca ad analizzare il filmato. «Quel tratto cieco di via Astagno, a cui il video si riferisce – continua Anconambiente – rientra nella casistica delle zone in cui costantemente gli operatori trovano auto impropriamente parcheggiate che rendono impossibile l’accesso ai mezzi e lo svuotamento dei contenitori. Proprio nel caso di specie, il ritiro della frazione indifferenziata era nuovamente saltato in data 17 marzo per la presenza di vetture che impedivano il regolare svolgimento del servizio: le riprese si riferiscono infatti al giorno successivo, sabato 18 marzo, quando il passaggio era finalmente libero e l’operatore poteva dar seguito al suo regolare giro di raccolta della frazione indifferenziata, saltato il giorno prima per impossibilità di accesso, e quindi all’ordine di servizio di sollecitato intervento». L’azienda fa presente che si ritrova quotidianamente a gestire lo scarso senso civico dei cittadini e a dover contattare la polizia municipale per richiedere interventi di rimozione che generano rallentamenti nel servizio e dispersione di risorse (operative ed economiche).

«Quando nei contenitori dedicati ai singoli materiali si rinvengono purtroppo rifiuti mescolati di ogni genere – continua l’azienda –  completamente eterogenei e senza rispetto delle diverse tipologie, l’operatore non può che deviare direttamente quel materiale nella frazione indifferenziata: sarebbe impossibile immaginare una cernita manuale in strada da parte degli operatori. L’impianto della carta, prendendo come esempio quanto accaduto, non avrebbe mai recepito quella partita di rifiuti in quanto eccessivamente contaminata.Nel caso del video, l’operatore giunto in quel tratto di via Astagno aveva subito notato una condizione di errato conferimento diffuso tra contenitori aperti e sacchi buttati in strada: il contenitore della carta oggetto della disputa era infatti saturo di rifiuti di ogni genere. Lo svuotamento del contenitore della carta avviene da calendario il martedì e solo un errato utilizzo riempendolo cioè di altro materiale lo poteva aver reso già stracolmo dopo nemmeno quattro giorni».

«Anconambiente si sta continuando a sforzare nel garantire il Progetto Decoro con il Comune di Ancona – continua il presidente – anche in presenza di situazioni non corrette per garantire a tutti, in ogni momento, la disponibilità di una città pulita: ecco perché raccogliamo e puliamo anche quando i rifiuti non vengono correttamente conferiti. Il nostro dovere è quello di offrire una risposta tempestiva di raccolta e di pulizia al cittadino e se il cittadino non rispetta le regole, non possiamo che evitare il maggior danno ripristinandogli le condizioni per fare in modo che differenzi meglio la prossima volta. Ancora una volta siamo costretti a richiamare in causa il senso del dovere davanti alle comuni regole di conferimento o di utilizzo degli spazi pubblici su strada. Come azienda ci facciamo sempre carico delle nostre responsabilità quando siamo giustamente chiamati in causa, ma non è questo il caso che però cogliamo per spiegare al meglio l’accaduto ed evitare futuri disagi. L’appello è anche agli organi di stampa affinché diffondano sempre più le conseguenze dei comportamenti scorretti e collaborino con Anconambiente e con il Comune nel valorizzare anche buone pratiche».

(E. Ga.)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X