facebook rss

Prosciutti e soldi rubati alla scuola,
il ladro incastrato
dall’impronta digitale

ANCONA – Concluse le indagini, indagato per furto aggravato il 27enne che aveva razziato la materna durante le feste di Natale. Aveva svaligiato anche la mensa scolastica
lunedì 24 Aprile 2017 - Ore 12:40
Print Friendly, PDF & Email

Polizia, foto d’archivio

 

 

E’ stato incastrato da un’impronta digitale il ladro che, nei primi giorni di gennaio del 2016, aveva fatto razzia all’interno della scuola materna 25 Aprile in via Michelangelo di Ancona dopo essersi introdotto nella struttura passando da una finestra della sala lettura. Si tratta del 27enne A. D.G. con diversi precedenti per furti e rapine. Approfittando della chiusura della scuola per le vacanze natalizie, il ragazzo è entrato nella scuola e fatto incetta di tutto quello che ha trovato: prima ha forzato una cassaforte e intascato 1.000 euro, il fondo cassa delle famiglie per le attività dei bambini, poi si è spostato in cucina e qui ha rubato coltelli professionali, 4 prosciutti, 4 kg di parmigiano, 3 bresaole e 10 bottiglie di olio extravergine di oliva. Ancora non soddisfatto, il ladro si è impossessato anche di un tablet e di un telefono cellulare di proprietà del Comune e utilizzato dalla scuola. Le indagini della squadra mobile di Ancona, sezione furti e rapine, hanno permesso di risalire al responsabile del furto grazie all’impronta digitale lasciata sull’armadio blindato, da cui sono stati rubati i contanti. I poliziotti della squadra mobile hanno notificato la conclusione dell’attività investigativa e l’avviso di garanzia all’indagato A. D.G. contestando il reato di furto aggravato con effrazioni ai danni di beni pubblici.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X