facebook rss

Serra de’ Conti galleria d’arte a cielo aperto per la Nottenera

FESTIVAL - In cartellone, oltre 30 eventi di teatro, cinema d’animazione e documentari, musica, arte visiva, scienze e laboratori, dedicati al tema della “Comunità” per l'evento dedicato ai linguaggi contemporanei. Espositore d'eccezione Leonardo Cemak con la sua maxi opera pittorica site-specific appositamente commissionata all’artista e che resterà patrimonio della cittadina
giovedì 17 Agosto 2017 - Ore 17:17
Print Friendly, PDF & Email

Leonardo Cemak per la Nottenera

 

In una notte di fine estate il buio trasfigura il borgo di Serra de’ Conti e mette in relazione i linguaggi contemporanei con le comunità del territorio. È la Nottenera, il festival vetrina che sabato 19 agosto porta in scena artisti internazionali e giovani talenti del territorio in una kermesse no-stop dalle ore 19.30 alle 4, con oltre 30 eventi tra installazioni site-specific, spettacoli, concerti, performance di nuovo circo, osservazioni della volta celeste, cinema d’animazione, workshop, creatività, scienza e sapori. Il festival, giunto undicesima edizione, è curato da Comune di Serra de’ Conti e Associazione “Nottenera”, con la direzione artistica di Sabrina Maggiori, il patrocinio del Consiglio regionale, ed è inserito nel progetto del Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche “La Valle della creatività”.

Per il 2017, il fil rouge attorno al quale si articola l’intera proposta artistica è quello della Comunità, declinato per una notte intera nelle quattro aree tematiche proposte: arti visive con 10 eventi, arti sceniche con 12 spettacoli, musica e cinema con 7 appuntamenti, scienza e laboratori con 4 proposte.

LA SEZIONE ARTI VISIVE – LA MAPPA DELLE PERFORMANCE

Il tema attraversa la sezione delle Arti visive con una grande varietà di forme e sensibilità, con 10 artisti e collettivi, in spazi pubblici e privati, vie, giardini, luoghi d’arte.

LA NOVITÀ

Tra le novità dell’edizione 2017, un’opera pittorica site-specific di grandi dimensioni (4,60 metri x 3,10), appositamente commissionata all’artista Leonardo Cemak, che ha immaginato nel Trasporto della Nottenera due operai in legno della ditta Befera intenti a trasportare un’archipittura murale su legno ai confini della realtà. Affaticati dal cammino e dal peso, fanno pausa in via Armellini sul muro laterale dell’Ospedale Civile. Al termine della Nottenera, l’opera rimarrà nel patrimonio della comunità locale conservando il suo carattere itinerante. L’opera si avvale della cura e della consulenza tecnica dell’architetto Giorgio Balestra, e della collaborazione dell’architetto Massimo Bergamo.

Un omaggio a un maestro del ‘900 è l’esposizione Maschere di Mirko Basaldella, in Corso Roma 34: in esposizione una straordinaria produzione di maschere, tempere su cartone, dell’artista udinese, considerato tra i maggiori scultori italiani del ‘900, donate dalla famiglia Vera e Raffaello Zarinski al Comune di Serra de’ Conti.

Due gli eventi che vedono protagonista Elena Bellantoni, artista di fama internazionale il cui lavoro di ricerca e di indagine è attraversato costantemente dalla questione dell’appartenenza e dell’identità: in Parole cunzate, performance e installazione site specific nel giardino privato di via Garibaldi 13 e con testo critico di Annalisa Filonzi. L’artista si è calata nel ruolo di dama riparatrice, figura scomparsa, che aggiustava, appunto “cunzava” piatti e vasi. Il garage di via Garibaldi 11/A accoglie Maremoto, un video di natura perfomativa girato sulle coste siciliane che guardano l’Africa, nel quale l’artista cerca di attraversare il Mediterraneo a cavallo di una bicicletta, simbolo di una comunità nomade di migranti che si sposta in cerca di un luogo dove stare.

Parole cunzate di Elena Bellantoni

Gio Pistone, illustratrice e street artist romana, al termine di una residenza creativa a Serra de’ Conti, popola lo spazio di Corso Roma 58 di creature mostruose, in una festa di forme e di colori dal titolo Stretti – quando non scegli, in cui la diversità incuriosisce e attrae, perché nelle comunità di persone nessuno è uguale all’altro; l’opera si avvale del testo critico di Annalisa Filonzi.

L’opera di Gio Pistone

In Via Garibaldi 42 dalle ore 20,30, il Festival Nottenera si apre alla collaborazione con theGIFER, il festival internazionale dedicato alla GIF Art, ovvero alla produzione di opere d’arte in formato GIF, con TheGifer il film, in un caleidoscopio di immagini in movimento, realizzati da artisti di tutto il mondo che spaziano tra i generi astratto, psichedelico, mixed media, fotografia, illustrazione e computer graphic, a raccontare un fenomeno artistico che ha ormai raggiunto una dimensione globale.

Nell’installazione-scultura Panthalassa + 5 Dischi? in Corso Roma 47, Marta Palmieri, artista di origine marchigiana, dispone oggetti misteriosi, arcaici, ceramiche spogliate di ogni compiacimento decorativo, testimoni di un sincretismo di culture distanti nel tempo e nello spazio; l’opera si avvale del testo critico di Michele Gentili.

Traendo “ispirazione” dagli altares che in Messico si allestiscono per il giorno dei morti, l’artista pugliese Brunella Tegas ha creato i Quadritos, piccoli altari pagani contemporanei in memoria di personaggi – famosi e non – con le storie più disparate, tutte degne di essere raccontate, ricordate e tramandate perché hanno perseguito un ideale; le sue opere sono in mostra in Corso Roma 62.

I Quadritos di Brunella Tegas

Il tema della comunità naturale e umana incrocia l’opera dell’artista ferrarese Denis Riva che nell’installazione site-specific Reunion propone al centro della Chiesa di Santa Croce uno stendardo di grandissima dimensione e di forte impatti emotivo, assieme ad altri dipinti, in cui il gesto pittorico incontra la carta e frammenti di mondo ritrovati casualmente, sotto la direzione di un “bambino” che mentre gioca crea e distrugge senza sosta; il testo critico è a cura di Michele Gentili.

Un ritorno alla Nottenera è quello dell’artista Valerio Giacone, che grazie ad una nuova residenza, ha declinato il tema dell’edizione 2017 realizzando una grande e turrita installazione di canapa e cera d’api, dal forte carattere olfattivo, in Corso Roma 5, dal titolo Synolon, ovvero l’insieme, l’intero, ciò che unisce forma e materia; l’opera si avvale del testo critico di Michele Gentili.

LA SEZIONE MUSICA E CINEMA

Due film documentari parlano di scelte di vita alternative: Con i piedi per terra di Radici nel Cielo racconta di agricoltori che hanno deciso di coltivare in maniera autonoma, efficiente e rispettosa dell’ambiente, mentre l’alimentazione al centro di Food Relovution. Tutto ciò che mangi ha una conseguenza di Thomas Torelli. Tradizionale l’incontro con Andrea Martignoni e la sua Nottenera Animata, rassegna di cortometraggi d’animazione, in due successivi appuntamenti, per bambini e per adulti. Vari e ricchi di suggestioni diverse sono i concerti: Alessandro Fiori in Gite, il Museo delle Arti Monastiche con I canti del silenzio canti di preghiere partecipati, la Scuola di musica della Centenaria Società Concertistica di Serra de’ Conti con incursioni musicali itinerati, Toffolomuzik con il dj set Comunità Digital-Popolare / Worldmuzik.

LA SEZIONE ARTI SCENICHE

in programma 12 spettacoli per 22 repliche: Maniaci d’amore con Il nostro amore schifo, Piccola Compagnia Dammacco con Esilio, Teatro Rebis con Il papà di Dio (studio), Giacomo Verde – Aldes con L’albero della felicità, Compagnia Soralino con inbox, Rita Frongia con Umanescenza. incontro sull’arte imperfetta della drammaturgia, Luca Bellezze con Cortina, Lagrù / Piero Massimo Macchini con Fuori porta, Collettivo Ønar con 78!, Loredana Bogliun con Viversi in poesia, L’abile Teatro con Mago per svago, Lucia Palozzi con Radio Penelope.

SEZIONE SCIENZA E LABORATORI

Proposte per per ogni età: Tania Bini Designer & Melania Tozzi con Canapa Cruda, Enora Giochinlegno in L’arte del gioco… il gioco dell’arte, l’Aja Associazione jesina astrofili con Questo arcano universo…, apertura straordinaria del il Museo delle Arti Monastiche.

INFO: / info@nottenera.it

Ingresso unico € 8 / ingresso gratuito fino a 12 anni compiuti

Servizio bus navetta gratuito dalle ore 19.00 alle 3 – andata/ritorno da Via Oreste Merli (zona artigianale di Serra de’ Conti) ai due ingressi.

In caso di pioggia la programmazione subirà variazioni. Aggiornamenti in tempo reale sulla pagina FB/NotteNera

Diventa social reporter di Nottenera! Commenta e fotografa l’evento usando #nottenera17

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X