facebook rss

Ascensore del Passetto,
eliminati i tornelli

ANCONA – Gli ingressi automatizzati alle cabine dovevano essere installati entro l'estate, ma la ditta appaltatrice non ha presentato soluzioni che hanno convinto il Comune che alla fine ha cambiato progetto per evitare l'evasione del ticket
venerdì 29 Settembre 2017 - Ore 17:48
Print Friendly, PDF & Email

Ascensore del Passetto in una foto notturna

Ascensore del Passetto, i tornelli non ci saranno. La conferma è arrivata questa mattina dall’assessore ai lavori pubblici Paolo Manarini, in risposta all’interrogazione del capogruppo Sel Francesco Rubini. Il consigliere ha chiesto spiegazioni sul mancato rispetto del progetto, che prevedeva l’installazione a metà luglio delle aperture automatizzate anti evasione del ticket. Prima un’errore nella consegna dei materiali della ditta appaltatrice, poi una seconda soluzione che non ha convinto la giunta, infine la decisione di cambiare metodo e di utilizzare un riconoscimento magnetico dei biglietti per l’apertura delle cabine, in sostituzione dei tornelli. “L’installazione non è ancora avvenuta poiché la fornitura che l’appaltatore ha consegnato il 24 luglio è stata rifiutata dalla direzione dei lavori perché non conforme al progetto” ha risposto Manarini, spiegando che da parte dell’impresa ci sarebbe stato un “rilievo non corretto dello stato di fatto” dei lavori eseguiti all’ascensore del Passetto. Il 31 luglio quindi l’appaltatore è stato chiamato a proporre una soluzione alternativa, ma anche questa seconda ipotesi è stata scartata dagli uffici tecnici del Comune perché “non convincente” ha commentato Manarini. I costi? “Ad oggi nulla è stato riconosciuto e nulla verrà riconosciuto per detta fornitura” ha aggiunto l’assessore, precisando quindi che il Comune non pagherà gli 82mila euro previsti per i tornelli. Al posto dei tornelli dunque si sta studiando con Conerobus l’applicazione del sistema “transponder bus ticket”: nessun tornello, ma l’uso di sensori per il rilevamento magnetico del biglietto. Dura la replica del consigliere Rubini. “Vicenda ridicola per l’incomunicabilità tra Comune e ditta appaltatrice. Gli spot che fate restano tali” ha concluso Rubini rivolto alla giunta, ricordando la campagna lanciata da Conerobus con il sindaco Mancinelli contro l’evasione dei ticket e l’annuncio della sperimentazione dei tornelli a bordo dei mezzi pubblici, ancora da mettere in campo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X