facebook rss

Cgil denuncia: incentivo 2017
non corrisposto
al personale del Comparto

ANCONA - Accordo non rispettato secondo la sigla sindacale che ha già presentato un esposto alla Corte dei Conti. "Quei fondi avrebbero dovuto indennizzare, sotto forma di incentivo, i tagli annuali apportati ai fondi contrattuali" ricorda la Fp-Cgil
sabato 7 Ottobre 2017 - Ore 11:25
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

La Fp Cgil, torna a denunciare i ritardi nell’erogazione dell’incentivo 2017 a personale del Comparto. I patti, secondo la sigla sindacale, non sarebbero stati rispettati. A marzo 2017 era stato sottoscritto un accordo decentrato dell’Area Vasta 2, firmato dal direttore generale e dal direttore amministrativo dell’Asur Marche, e dal direttore dell’Area Vasta 2. L’accordo prevedeva l’impegno della parte pubblica di sottoscrivere, entro il mese di settembre 2017, un contratto decentrato integrativo di Area Vasta 2 per la distribuzione di almeno 625.459 euro a tutto il personale del Comparto, quale incentivo relativo ai risparmi anno 2016 derivanti dai Piani di razionalizzazione, da corrispondersi ad incremento del fondo della Produttività Collettiva obiettivi di budget anno 2017.

“Risorse economiche previste anche dall’impegno assunto dal presidente ed assessore alla Salute della Regione Marche, che a tal riguardo aveva firmato le delibere della Giunta Regionale n.1638 del 27 dicembre 2016 e n.15 del 23 gennaio 2017 relative al Protocollo d’Intesa sui fondi contrattuali tra Giunta Regionale, Enti ed Aziende del Servizio Sanitario Regionale ed Organizzazioni Sindacali dell’Area del Comparto Sanità. – ricorda la Fp Cgil dell’Area Vasta 2 in un comunicato stampa- Risorse economiche che, seppur non compensative, ristorassero gli irregolari tagli apportati ai fondi contrattuali dell’Area del Comparto. E come sindacato, a giugno 2017, abbiamo presentato un esposto contabile alla Corte dei Conti ed alla Guardia di Finanza per tentare di avversare i tagli irregolari, affinché si procedesse ad una corretta rideterminazione dei fondi contrattuali”.

Quei fondi avrebbero dovuto indennizzare, sotto forma di incentivo, i tagli annuali apportati ai fondi contrattuali, “precisamente – sottolinea la Fp Cgil – quello di 331.997 euro per quanto riguarda il fondo contrattuale del Servizio di pronta disponibilità, lavoro straordinario ed Indennità per particolari condizioni di lavoro, e quello di 318.431 euro per quanto concerne il fondo contrattuale delle Progressioni economiche orizzontali. A maggio 2017 il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che le economie complessivamente conseguite per l’anno 2016 corrispondevano per l’Area Vasta 2 a 902.367 euro. Ebbene, la Direzione Generale dell’Asur Marche e la Direzione dell’Area Vasta 2 non hanno rispettato l’impegno, non hanno mai convocato un tavolo negoziale dedicato. Quindi non è stato mai possibile concludere l’Accordo atteso. Se ciò significhi serietà e rispetto, nonché adeguatezza delle direzioni dell’Asur Marche e dell’Area Vasta 2, lo lasciamo giudicare e spiegare al presidente ed assessore alla S

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X