facebook rss

Il cinema Giano diventa Aera,
«E’ lo spazio che manca a Fabriano»

INTERVISTA - Tre under30 scommettono sull'ex sala chiusa da anni per renderla uno spazio polifunzionale a servizio di spettacoli ed eventi culturali
lunedì 16 Ottobre 2017 - Ore 19:18
Print Friendly, PDF & Email
vI tre gestori del club AERA

I tre gestori del club AERA

 

di Sara Bonfili

Apre un nuovo club a Fabriano, proprio al posto del cinema Giano chiuso da decenni. Lo presenta Enrico Rossi, uno dei tre appassionati soci che si sono buttati a capofitto in quest’avventura, decisi a rivitalizzare il centro di Fabriano, aprendo il locale che mancava.

Cos’è Aera? chi sono, quanti anni hanno e che lavoro fanno i fondatori?

Aera è uno spazio polifunzionale sfruttabile in tanti modi grazie alla grande sala che una volta ospitava l’ ex cinema Giano. Siamo tre fondatori: Enrico Rossi, 26 anni, Nicola Paccapelo 29 e Cristian Bussaglia 26.

Perché avete fatto questa scelta? Da quanto tempo cercavate di farlo?
L’ idea di aprire questo locale è venuta dopo svariati eventi organizzati negli anni passati dove abbiamo scoperto il nostro interesse nell’organizzazione e nello stare a stretto contatto con le persone. E anche diciamo la verità, data la mancanza di questa tipologia di locale. Il tutto è iniziato a gennaio 2016. Dopo aver visionato svariati locali abbiamo deciso di scegliere l’ ex cinema vista anche la sua importanza come centro di aggregazione, punto di riferimento di giovani e famiglie di diverse generazioni.

l'ingresso dell'ex cinema Giano

l’ingresso dell’ex cinema Giano

E’ stato difficile?

Le difficoltà inizialmente sono state molte, soprattutto a livello burocratico, come accade per qualsiasi altra attività che si intende aprire. Fortunatamente si sono risolte tutte nel migliore dei modi.

Cosa proporrete? Ci saranno spazi da autogestire, accoglierete proposte di altri giovani?
Proporremo una vasta tipologia di eventi, dal semplice spettacolo musicale del sabato sera, all’evento culturale che può essere una mostra o una presentazione di un libro, un convegno o un corso di formazione. In più a chi lo vorrà, metteremo a disposizione il nostro locale per i propri eventi.

Come è stata accolta l’idea dalla nuova amministrazione? E la vecchia?
Avevamo già preso accordi con la vecchia amministrazione. La nuova amministrazione è stata fin da subito entusiasta di ciò che stavamo facendo  per la città, aiutandoci e proponendoci delle idee.

Quali sono i vostri sogni?
I nostri sogni sono e rimarranno tanti, ma stanno prendendo forma, uno scalino alla volta. Perché nella vita non bisogna mai smettere di sognare.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X