facebook rss

Tecnowind: interessi all’acquisto
solo per la sede cinese

FABRIANO - Oggi assemblea sindacale con la proprietà e le segreterie provinciali di Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm per conoscere il piano aziendale. Domattina alle 8 incontro sindacale in azienda
lunedì 13 novembre 2017 - Ore 17:07
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

di Sara Bonfili

Una vicenda senza svolte positive quella di Tecnowind, con 140 lavoratori in mobilità dal 26 ottobre. Oggi si è tenuta l’assemblea sindacale con la proprietà e le segreterie provinciali di Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm. Dall’incontro è emerso che l’interesse di acquisto dell’azienda produttrice di cappe aspiranti di Fabriano, espresso nelle ultime settimane al tavolo con il minstero dello sviluppo economico, sarebbe relativo solo ad alcuni asset, in particolar modo alla sede cinese.

Nessuna novità sul ritiro della mobilità, richiesta fatta in tutti gli scorsi incontri dai sindacati. Invece, come si sa, il piano concordatario è stato consegnato il 4 novembre scorso, e ora occorrerebbe limitare gli esuberi e al tempo stesso mettere in atto le azioni istituzionali ed economiche per evitare all’azienda il fallimento. Questi almeno i punti su cui istituzioni regionali e aziendali si erano accordati nello scorso incontro al Mise. Le organizzazioni sindacali di fronte al piano industriale hanno avuto una posizione interlocutoria, in attesa di avere la risposta su un piano che limiti il più possibile gli esuberi. “Indispensabile discutere su tutte le azioni da mettere in campo” per limitare i danni – si legge in una nota diramata dalla segreterie sindacali –  “Attivare percorsi in sinergia con tutti i soggetti che hanno fin qui partecipato ai tavoli e dove si sono presi impegni, ognuno per la propria parte”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X