facebook rss

Le voci di Harlem
scatenano le Muse

ANCONA – Teatro sold out per il concerto natalizio del quintetto newyorkese di Eric B. Turner. Dai grandi classici spiritual fino alle incursioni in territori pop e soul, il pubblico si diverte e si spella le mani per tenere il ritmo
Print Friendly, PDF & Email

Eric B. Turner tra il pubblico della Mole per le interpretazioni più coinvolgenti della serata

 

Gli Harlem Voices scatenano le Muse. Successo anche quest’anno per il tradizionale concerto dell’antivigilia organizzato da Ancona Jazz con i migliori interpreti dei gospel e degli spirituals americani. Platea sold out e scaletta più “pop” del solito, anche se non sono mancati i grandi classici. Gli immancabili Amazing Grace, Oh Happy Day e When the saints go marching in hanno scaldato e animato gli oltre mille spettatori, accorsi per ascoltare i newyorkesi Harlem Voices di Eric B. Turner, che si sono esibiti ad Ancona in formazione di quintetto, accompagnati da una sessione ritmica di pianoforte e batteria. Ma non sono mancate incursioni nel soul e nel pop, con alcuni brani degli Harlem Voices e titoli arcinoti, arrangiati a cappella, come l’Hallelujah di Leonard Coen oppure We are the world. Tutte le Muse in piedi a ballare e a tenere il tempo con le mani per oltre un’ora e mezzo, fino al selfie finale di rito scattato dal palco da Eric Turner. Le canzoni di “speranza, gioia, amore e amicizia”, come le ha definite Turner, hanno colto nel segno anche ad Ancona, in questa tournée italiana degli Harlem Voices.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X