facebook rss

Accoltella la figlia, l’avvocato
chiede la scarcerazione
«E’ stato un raptus involontario»

FABRIANO - E' ancora in carcere la 45enne di Fabriano che ha accoltellato la figlia minorenne al culmine di una lite in casa. L'avvocato Molinelli ha presentato richiesta di scarcerazione al tribunale del riesame. La ragazza è stata dimessa dall'ospedale e affidata al padre
mercoledì 3 Gennaio 2018 - Ore 17:57
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale

 

Depositata oggi la richiesta al Tribunale del riesame di scarcerazione della mamma fabrianese che lo scorso 27 dicembre è stata arrestata dai carabinieri dopo aver inferto una coltellata alla figlia 17enne. L‘avvocato Simone Molinelli che assiste la donna ha chiesto al giudice di ritirare la misura di custodia cautelare in carcere a Villa Fastiggi per la 45enne, single con tre figli, di cui due ancora minorenni. La lite tra madre e figlia era scoppiata nella notte di mercoledì scorso: la ragazza stava insistendo per uscire di casa e andare a trovare il suo ragazzo maggiorenne, chiedendo del denaro alla madre, la donna, esasperata al culmine della discussione, ha brandito il coltello da cucina e inferto una profonda ferita all’addome della figlia, finita al pronto soccorso dell’ospedale Profili, ma senza mai essere in pericolo di vita. Per il momento il giudice dovrà decidere se la mamma è pericolosa, e quindi se restare in carcere, oppure se per lei si configura la possibilità di scontare la misura cautelare ai domiciliari, in attesa del processo. “E’ stato un reato di tipo involontario e non colposo”, lo definisce l’avvocato Molinelli, “dovuto a un raptus”. A chiamare il 118, dopo il gesto inspiegabile, era stata la stessa donna, parlando di un incidente domestico. La figlia inizialmente aveva avallato la versione della madre. Arrestata dai carabinieri per lesioni personali, la donna si trova tutt’ora nella sezione femminile del carcere di Pesaro. La 17enne è stata nel frattempo dimessa dall’ospedale Profili, è seguita dalle educatrici dei Servizi Sociali ed è stata affidata al padre, che vive a Fabriano. La data dell’udienza del riesame sarà fissata tra qualche giorno, dopodiché il processo vero e proprio potrebbe slittare anche a fine 2018. (S.B.)

«Non esci di casa» Scoppia la lite e accoltella la figlia: arrestata 45enne

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X